martedì 29 settembre 2015

Mattinata al parco



Un simbolo del parco del Valentino : il castello medievale.

Due parole di presentazione su questo bel polmone verde di 421.000 mq.

Il parco del Valentino, in Torino, tra le sue bellezze naturali annovera circa 1800 alberi ad alto fusto  - spesso di maestose dimensioni - come pioppi, salici, faggi, olmi, querce e gli immancabili platani.
Nel parco è presente un' avifauna abbastanza ricca, soprattutto legata all'ambiente fluviale (siamo in riva al Po)
Sono numerosi gli aironi cenerini, i germani reali e le folaghe.

Questa volta non mi riferisco alla celebre "Mattinata" di Ruggero Leoncavallo, romanza interpretata da tanti protagonisti del bel canto, nostrano e non.

La mattinata che  desidero condividere è stata una battuta di caccia, solo che al posto del fucile o armi varie, ho utilizzato esclusivamente la mia macchina fotografica.

Tra gli abitanti di questo bel parco, ci sono anche gli scoiattoli, che circolano indisturbati tra prati, alberi e persino nei vialetti asfaltati, come potrete vedere qui di seguito.

Il primo avvistamento, dopo circa 5 minuti di cammino.



al quale ne sono seguiti altri, con i protagonisti sempre a debita distanza







questo, invece, era sul "chi va là ",  stile piccola vedetta.


quest'altro era molto curioso . . . 


per ultimo, un video dove uno scoiattolo per poco non mi passava sui piedi |!!



Cari amici, concludo sostenendo con forza : 

"VIVA LA NATURA E I SUOI ABITANTI "

2 commenti:

  1. Bello! Sicuramente è molto più gratificante fare foto piuttosto che impallinare poveri esserini indifesi.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  2. che bella esperienza!
    grazie per la condivisione e buona domenica!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven