martedì 21 luglio 2015

I platani di corso Francia


Il platano "nonno", matusalemme

Il più antico di tutti è stato chiamato "Matusalemme" e troneggia all'ingresso del Parco della Tesoriera.
Ha più di 200 anni, anche se la sua data di nascita non è certa; alcune fonti riportano il 1715 , altre il  1797.

La circonferenza del fusto è di ben 7 metri e 20, la chioma raggiunge i 25 metri di altezza, decisamente un bell'esemplare che accoglie  i torinesi che si recano in quel giardino pubblico.

Ora però desidero raccontare un'altra storia, per alcuni versi grottesca.

La villa della Tesoriera, che ospita il "nonno" matusalemme, si trova sul corso Francia, un rettilineo lungo 11,6 Km (è il più lungo d'Europa) che congiunge il centro di Torino - per l'esattezza piazza Statuto - con Rivoli, città divenuta famosa per il suo Castello, attuale sede del Museo d'Arte Contemporanea.

Bene, nel suddetto corso fanno bella mostra di sè centinaia di platani, che un paio di mesi fa hanno avuto le radici  CEMENTATE.
 Un intervento che doveva servire a tappare le buche, onde evitare che i cittadini potessero inciampare attraversando i controviali.

La novità è che l'opera - messa in campo dalla Circoscrizione competente - è stata solennemente bocciata in Comune, per cui gli operai sono ritornati di corsa a togliere il cemento dalle radici di questi bellissimi alberi.

Ci vuole MANUTENZIONE , non CEMENTO !

Cari amici, dopo avervi presentato Matusalemme, ecco alcune mie immagini dei platani di corso Francia.


sullo sfondo, piazza Statuto

ora, due scatti all'altezza della Tesoriera




in direzione di Rivoli


Con il caldo di questi giorni, non posso che augurarvi
 un po' di fresco !

4 commenti:

  1. Grazie per queste foto e per le informazioni sulla bella Torino, vista in due giorni (troppo pochi). nel 2013. Spero di ritornarci. Calda giornata Leonardo.

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale, credo che la mia passione per la fotografia sia pari all'interesse che ho per quanto riguarda la mia città.
    Hai ragione, effettivamente due giorni sono quasi un mordi-e-fuggi.
    Con il caldo, penso che dovremo conviverci - nostro malgrado - ancora un po' . . .

    Buona serata.

    RispondiElimina
  3. questi viali alberati sono davvero uno spettacolo, offrono ombra ed ossigeno che, in queste giornate afose, sono necessari...
    un saluto frescherello!

    RispondiElimina
  4. Torino ha in effetti una grande fortuna, Ines.
    Corso Francia è solo uno dei tanti viali alberati, ed oltre ai platani ci sono anche pioppi, aceri e ippocastani,tra le tante specie.
    Una riserva di ossigeno e di omra, in questa estata assolutamente anomala.

    Grazie della visita, buona serata fresca (possibilmente)

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven