venerdì 3 gennaio 2014

"Concerti " di Capodanno


Il Musikverein di Vienna

Eh sì cari amici, "Concerti" perché da alcuni anni sono due!
Uno viene trasmesso dal Gran Teatro "La Fenice" di Venezia; Un altro - quello per antonomasia - dal Musikverein di Vienna.
Li ho seguiti con molto interesse entrambi, ma quest'anno quello austriaco per me aveva un significato particolare, per la presenza di un direttore d'orchestra che apprezzo moltissimo : Daniel Barenboim.

Oltre che a Richard Strauss, il concerto di Vienna è stato dedicato anche al ricordo della Prima guerra mondiale, che per l’Austria (ma anche per Trieste e Gorizia, che allora facevano parte dell’impero austro-ungarico) ebbe inizio nel 1914, cento anni fa.
 Nessun intento celebrativo, ma un invito a riflettere sull’”inutile strage”, per costruire un futuro di pace. È questa la ragione per cui a dirigere i Wiener Philharmoniker è stato scelto un uomo come Daniel Barenboim, fondatore della “West-Eastern Divan Orchestra”, che, riunendo giovani musicisti di Israele e del mondo arabo, costituisce un simbolo straordinario di convivenza in Medio Oriente.

Daniel Barenboim non è nuovo ai Wiener Philharmoniker e non è nemmeno la prima volta che sale sul podio del Musikverein, per un concerto di Capodanno. Lo aveva già fatto nel 1989 e nella conferenza stampa di presentazione del concerto,  ha voluto scherzare su questo suo ritorno 25 anni dopo. “Quando mi è stato proposto di dirigere per la seconda volta il concerto – ha spiegato – mi sono sentito molto onorato, ma per un po’ ho esitato. Spesso la seconda volta non riesce bene come la prima. Poi però ho pensato: è solo una superstizione e io non voglio esserne condizionato”.

 Il concerto si è concluso come sempre con la “Radetzky Marsch”, l’unica in cui al pubblico non solo è consentito, ma addirittura è invitato ad accompagnare battendo le mani.
 Non solo, durante l'esecuzione c'è stato un fuori programma del Maestro che è passato a stringere le mani a tutti gli orchestrali, con particolare galanteria rivolta  alle signore.

4 commenti:

  1. Caro Leonardo io meli ho goduti tutti e due!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ho visto che la simpatica usanza di coinvolgere il pubblico in sala è stata adottata anche nel concerto alla Fenice.
    Buon fine settimana.
    enrico

    RispondiElimina
  3. Allora ho perso qualcosa di splendido. Ma pazienza, Non mi posso lammentare, perché per 3 volte ho assistito al Concerto di Capodanno direttamente a Vienna.
    Buon Anno, caro Leonardo.

    RispondiElimina
  4. Io dovevo andare a vedere ed ascoltare il Concerto di Capodanno dell'Orchestra di Montpellier (bellissimo) e, quindi, ho registrato sia Vienna che Venezia e poi mi sono fatto due DVD. A parte la bravura di Barenboim, trovo però che due ore di valzer, polka e mazurke varie, siano un po' monotone, anche se piacevoli. Dovrebbero movimentare un po' di più. Per quello della Fenice, visto che la lirica è la mia preferita, niente da dire. Vorrei sapere da Ambra come ha fatto ad andare tre volte a Vienna, quando bisogna prenotare due-tre anni prima. Beta lei. Buon proseguimento del 2014.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven