giovedì 12 dicembre 2013

Lo chansonnier torinese


Gipo Farassino al Teatro Alfieri, Ottobre 2011

E' di ieri la notizia della morte di Giuseppe Farassino, per tutti semplicemente "Gipo"
Era nato 79 anni fa in Borgo Dora, più precisamente in via Cuneo 6 che fu anche il titolo di una delle sue innumerevoli canzoni.
Gipo è stato cantante e attore dialettale, di Torino e del Piemonte. La sua notorietà gli deriva da una costante ricerca di cambiamento: certamente le sue origini in un quartiere povero ( "case grigie, con i balconi legati fra di loro come carcerati, panni senza colore stesi ad un sole sbiadito dallo smog e turbe di bambini pallidi che giocano con niente"), della periferia operaia, hanno avuto molta importanza nella sua formazione artistica.

Tempo fa avevo già parlato di questo artista in questo POST. Oggi, desidero ricordarlo con una delle sue canzoni, "Serenata ciucatuna"

Ciao, Gipo !

5 commenti:

  1. Come tutti i cantanti che vogliono rappresentare le loro regioni sono sempre simpatici e è bello ascoltarli
    direi che era pure un buon cabarettista. Gli auguro pure io un riposo in pace...
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Non l'ho mai sentito nominare... chiunque lasci qualcosa di buono in questo mondo merita di essere ricordato... che riposi in pace.
    Ciao Leonardo, un caro saluto

    RispondiElimina
  3. una notizia che mi era sfuggita. Anche se non era proprio uno dei miei preferiti è comunque un artista che se ne va.

    RispondiElimina
  4. Un altro frammento di un'epoca che sta scomparendo, purtroppo... Fortuna che almeno le canzoni restano.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio, un bellissimo tributo che Gipo meritava a pieno!
    Ti abbraccio e ti lascio i miei auguri per un sereno Natale e per un ottimo 2014 da condividere con i tuoi affetti più cari!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven