martedì 5 novembre 2013

storie di Torino - il cortile del maglio



il cortile del Maglio

Il Cortile del Maglio fa parte di un grande complesso architettonico di Borgo Dora che costituiva  l'Arsenale Militare. Già alla fine del ‘500, costituì la prima fabbrica delle polveri e raffineria. Alla fine del XVIII secolo, dopo esser divenuto proprietà dei Savoia, fu ricostruito su progetto del colonnello Antonio Quaglia. Nel 1852 fu quasi raso al suolo da un’esplosione che coinvolse anche alcune abitazioni del borgo.
Dopo il tragico avvenimento, Vittorio Emanuele II decise di trasferire la Regia Fabbrica delle Polveri in una località più idonea, lontana dal centro abitato.
Lo stabilimento di Borgo Dora fu invece destinato ad ospitare alcune delle lavorazioni del Regio Arsenale di Torino dove si concentrarono la produzione e la riparazione di affusti di artiglieria e carreggi.
L’edificazione dell’Arsenale di Borgo Dora, ufficialmente denominato Arsenale delle Costruzioni di Artiglieria di Torino, fu seguita e diretta dal Genio Militare, che nel 1867 iniziò a fabbricare l’edificio in stile neo-medievale con un porticato e una torretta.
Con successive modifiche, l’Arsenale, rimase in funzione fino al 1982; in seguito una parte del complesso divenne di proprietà del Comune di Torino che le diede in gestione al Servizio Missionario Giovani (SERMIG), fondato nel 1964 da Ernesto Olivero.

Il Cortile del Maglio, è sede dell’Associazione Cortile del Maglio che si dedica alla promozione e alla riqualificazione del quartiere Borgo Dora tramite l'organizzazione e gestione di eventi ed iniziative socio-culturali, che hanno luogo all'interno del Cortile del Maglio e dell'adiacente Cortile dei Ciliegi.
La piazza principale è definita da una superficie quadrata, di quaranta metri per quaranta, racchiusa da quattro maniche perimetrali.
Gli alberi metallici inclinati che sostengono l'ampia copertura esaltano l’antico maglio in carne ed ossa ferrate, importante reperto storico che permette a questo spazio suggestivo di tramutarsi facilmente in sede di svariati tipi di eventi: spettacoli teatrali, saggi di danza, concerti, mostre, fiere e altro ancora.

Aggiungo due “note” di colore :

1)    Per chi vuole, uscendo da via De Andreis si trova a due passi dal mercato di Porta Palazzo, il più grande d’Europa…scusate se è poco!

2)    Nel cortile del maglio, è possibile collegarsi ad internet utilizzando la wi-fi gratuita della Città di Torino. (previa registrazione, s’intende)


 via De Andreis. da qui si accede al cortile


piazza Borgo Dora - l'ex Arsenale militare


il SERMIG


via Borgo Dora, con il lastricato originale

6 commenti:

  1. Ciao Leonardo grazie per aver condiviso questo tuo post
    buona serata.

    RispondiElimina
  2. oserei dire che un'altra nota di colore sia il...Sermig

    RispondiElimina
  3. Grazie per le notizie Leonardo, interessante!
    Un caro saluto :-)

    RispondiElimina
  4. Post interessante, belle foto e ben documentato.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  5. sempre delle magnifiche note su una delle città più belle d'Italia, Torino

    RispondiElimina
  6. ecco non lo conoscevo, ma ora grazie a te si! Felice fine settimana

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven