lunedì 18 novembre 2013

Il suono del nuovo Carosello



Orchestra Sinfonica Nazionale

È suonata dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che l’ha registrata all’Auditorium Rai "Arturo Toscanini" di Torino, la sigla di "Carosello Reloaded", che ha debuttato il  6 maggio scorso su Rai1. Il celebre motivo, che per anni ha accompagnato le serate degli italiani davanti alla tv, ha radici nella musica popolare: Raffaele Gervasio ne elaborò una prima versione nel 1957, successivamente rivista nel 1963. Proprio su questa versione ha lavorato l’arrangiatore Fabio Gurian.
La melodia, suonata dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, è la stessa, come gli stessi sono gli strumenti solisti che la eseguono, dal mandolino alla tromba, dall’arpa all’ottavino, che caratterizzano le diverse città italiane presenti nella sigla. È il colore a essere diverso, perché l’orchestrazione ha un sapore più attuale e brillante, grazie anche all’ introduzione di uno strumento come lo xilofono o a nuovi interventi dell’arpa.
"La musica di ‘Carosello’ è ‘Carosello’ stesso – dice Rosa Maria Gervasio, figlia del creatore della celebre sigla - senza quella musica non sarebbe la stessa cosa, anche per questo sono felice che ritorni".

Aggiungo solo due parole che riguardano il "nostro" Auditorium, intitolato ad Arturo Toscanini.

Da quel Regio Ippodromo che già alla fine del XIX secolo trovava una propria vocazione concertistica, attraversando il trauma dei bombardamenti alleati, più di 150 anni e numerose ristrutturazioni segnano la storia della sala che ha visto Wilhelm Furtwängler dirigere sul palcoscenico progettato da Carlo Mollino. Sede delle formazioni Rai a partire dal secondo dopoguerra, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e la città hanno ripreso possesso dell’Auditorium rinnovato nel 2007.

Quanti ricordi mi legano a questa "mitica" trasmissione,  uno dei quali è certamente il fatidico "dopo Carosello, tutti a nanna ", che, specialmente in adolescenza era una tortura...

Cari amici, buon inizio di settimana!

7 commenti:

  1. Caro Leonardo che bello riascoltare questa musica di carosello, che si ascoltava tutte le sere!!!
    Ciao e buona settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Un salto indietro nel tempo di parecchi anni che ha il fascino del passato e dei ricordi di bambini che, come dici tu, dovevano andare a letto dopo Carosello. Ma intanto si godevano gli sketch che erano molto più simpatici della pubblicità odierna perché erano piccole storie spesso comiche e divertenti.

    RispondiElimina
  3. Amarcord musicale!
    Ti auguro una buona serata.

    RispondiElimina
  4. * Sono ritornata anch'io... per me purtroppo si trattava del pc che ha deciso di "lasciarmi" ;-(
    * Grazie per questo post che mi ha suscitato momenti meravigliosi rimasti scolpiti nella memoria... nulla a che vedere con la pubblicità "lavacervello" di adesso!!!
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
  5. Incredibile come certe musiche rimangano inchiodate alle immagini che evocano.
    Che luogo magnifico, questo!

    RispondiElimina
  6. Senti, ma lo mandano in onda alla stessa ora di 50 anni fà? Dammi notizie, se puoi, da me perché vorrei proprio vederlo. Ho 5 programmi RAI via box. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  7. Quanti ricordi suscita questa musica, quando, bambina, aspettavo con ansia Carosello con le sue simpatiche, divertenti e belle scenette pubblicitarie!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven