martedì 29 ottobre 2013

Fausto Leali, il negro italiano


Fausto Leali, oggi

E' soprannominato il negro italiano, per la sua particolare voce da bluesman, che contrastava il genere melodico imperante negli anni '60, la sua (e mia) epoca giovanile.

Nasce a Nuvolento ( Brescia)  il 29 ottobre 1944 e dopo alcune esperienza musicali all'inizio degli anni '60, il suo primo vero successo è del 1967, con l'intramontabile " A chi", versione italiana di "Hurt" lanciata negli USA nel 1960.

Io l'ho ascoltato in un concerto dal vivo, e benché all'aperto la sua voce mi faceva accapponare la pelle...
ho riascoltato tutte le sue più celebri interpretazioni, da "a chi", per l'appunto, a "Deborah", "Angeli negri", "Io camminerò" e altre.

Auguri di buon compleanno Fausto, dalla voce inconfondibile!

Cari amici, concludo questo post con "Angeli negri", una canzone che a distanza di anni mantiene tutta la sua drammatica attualità . . .


4 commenti:

  1. Caro Leonardo, quando sento il name da Fasto Leali, il mio pensiero vola alla più bella canzone da lui interpretata, per me Angeli Negri è e resterà nella storia di tutti i tempi.
    Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. allora auguri anche da parte mia Fausto e un saluto a te Sirio :D

    RispondiElimina
  3. bellissima la voce e la canzone e tutte le altre che ha cantato, l'ho sempre molto apprezzato, grazie della condivisione

    RispondiElimina
  4. Praticamente mi piacciono tutte le sue canzoni.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven