mercoledì 3 luglio 2013

La Villa della Regina


"Tra le altre cose che esaltano la felice posizione geografica in cui e`situata la città di Torino, c`e` la collina che sorge non lontano dalla Città`. 
Non ha rocce che la rendano inaccessibile, nè boschi che ne impediscano la coltivazione,nè digofi del clima che la facciano inospitale.anzi il suolo e` fecondo e popolato di ville,dolci le pendici dei colli e amene le insenature delle valli".
Questa e` la descrizione che un anonimo diede del "Theatrum Sabaudiae" , cioè alla collina torinese: descrizione che corrisponde sostanzialmente alla realtà.

Quando le giornate sono ben soleggiate, ne approfitto per fare i miei "giri fotografici", andando a riscoprire angoli dai quali mancavo da tempo.
La Villa della Regina, situata sulla collina torinese, è stata una di queste mete, un gioiello barocco dell'inizio del seicento, ritornato all'antico splendore grazie ad un restauro realizzato con fondi statali, di enti e privati durato anni di lavoro.
Si tratta di un complesso costituito  da una  vigna collinare ( unico esempio rimasto in Piemonte)


 , giardini sul modello delle ville romane e fabbricati (la villa e i padiglioni attigui).
Fanno da cornice alla villa, il giardino all'italiana con relativi giochi d'acqua (attualmente fuori uso)


. e il bosco retrostante, che confina con la strada che conduce al Parco di Villa Genero.
Dal 1997 è diventato bene protetto dall' Unesco, considerato patrimonio dell'Umanità.

L'orario estivo (da Marzo a Novembre) va dalle 9.00 alle 18.00 ; quello invernale anticipa la chiusura alle 16.00. L'ingresso è gratuito , e naturalmente la Villa è raggiungibile con i mezzi pubblici.
Dalla strada di Santa Margherita, dove si trova questa meraviglia, lo sguardo spazia sulla città con la sua naturale cornice di montagne (quando si vedono...) e la Mole Antonelliana in primo piano...



La citazione iniziale di questo post è stata tratta da  " RESIDENZE REALI DEL PIEMONTE" di Franco Caresio , ediz. Regione Piemonte.

Ora lascio spazio alle restanti  fotografie, realizzate solo in esterni  in quanto all'interno della Villa è rigorosamente vietato eseguire scatti.









7 commenti:

  1. Belli questi scatti leonardo...la collina intorno a Torino è davvero bella e da lassù si possono godere splendidi panorami della città!
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia ! Posto da fiaba!

    RispondiElimina
  3. Un vero gioiello.
    Ne avevo letto e la scorsa estate l'ho visitata con mia figlia.
    Siamo camminatrici, per cui arrivo a Porta Nuova, Via Roma, Via Po, la Gran Madre e poi su su fino alla Villa della Regina: ne valeva la pena.
    C'è ancora molto lavoro da fare e poi sarebbe una vera bellezza. Speriamo!

    RispondiElimina
  4. L'ho visitata da poco anch'io, un vero gioiello da curare ...

    RispondiElimina
  5. Un tesoro di storia e di arte che hai degnamente valorizzato!

    RispondiElimina
  6. Un angolo della nostra storia, e un valore artistico che va conservato, complimenti per i bellissimi click,
    vedendo la villa ora capisco perché si usi dire vivere come una regina
    Ciao Leonardo buona serata.

    RispondiElimina
  7. Grazie Leonardo per avermi fatto vedere queste belle immagini... purtroppo ho visto veramente poco (3 giorni). Buon fine settimana. Ale

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven