sabato 6 luglio 2013

Hello, Satchmo !


Louis Armstrong e la sua band

Il 6 di luglio del 1971 ci lasciava Louis Armstrong, stroncato da una crisi cardiaca.

Era nato 71 anni prima (il 4 agosto) a New Orleans.
Raggiunse la fama inizialmente come trombettista, ma fu anche uno dei più importanti cantanti jazz, soprattutto verso la fine della sua carriera.Certamente è stato il più famoso musicista jazz del XX secolo.
Carismatico e innovativo, al suo talento ed alla sua luminosa personalità si deve molta della popolarità del jazz, che esce dai confini della sua regione d’origine per diventare un genere musicale amato in tutto il mondo.

Il soprannome Satchmo o Satch è l’abbreviazione di Satchelmouth, parola che sta ad indicare il modo in cui suonava la sua tromba, al punto che nel 1932 l’allora editore della rivista Melody Maker salutò Armstrong a Londra dicendo “Hello, Satchmo!”.

Una delle sue canzoni che preferisco è la celebre  "What A Wonderful World", sia per l'espressività del testo, sia perché fa parte del repertorio della mia Banda.

I see trees of green, red roses too 
I see them bloom for me and you 
And I think to myself, what a wonderful world 

I see skies of blue and clouds of white 
The bright blessed day, the dark sacred night 
And I think to myself, what a wonderful world 

The colours of the rainbow, so pretty in the sky 
Are also on the faces of people going by 
I see friends shakin' hands, sayin' How do you do? 
They're really saying I love you 

I hear babies cryin', I watch them grow 
They'll learn much more than I'll ever know 
And I think to myself, what a wonderful world 
Yes, I think to myself, what a wonderful world 
Oh yeah

Buon fine settimana !

8 commenti:

  1. Caspita, è già passata una vita da quando se n'è andato!

    RispondiElimina
  2. Grandissimo Louis !
    Ciao Leonardo, buona fine settimana!

    RispondiElimina
  3. Il grande Louis non tramonterà mai,
    ciao Leonardo buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  4. Più passa il tempo, più apprezzo Armstrong!
    P.S.
    Ho sentito una bella esecuzione del suo successo qualche sera fa', eseguita da un quartetto di trombe all'aperto a Bordighera.

    RispondiElimina
  5. Se n'è andato da tempo, ma nessuno l'ha dimenticato.

    RispondiElimina
  6. Un grande personaggio Armstrong... e stupenda questa canzone Leonardo...
    Un grande abbraccio a te, ti auguro una serena domenica

    RispondiElimina
  7. Un "grande" che resterà sempre nel cuore di tutti noi!
    Una serena e gioiosa domenica
    nonnAnna

    RispondiElimina
  8. Ciao Sirio, scusa se non vengo più molto spesso e, quando trovo post di questo tipo, mi pento di non averlo fatto. Di questa canzone sono uscite molte interpretazioni, anche corali, ma quella di Amstrong resta negli annali della musica. Mi piacerebbe molto sentirla nella versione della tua banda e, al limite, io potrei cantarla. Buon fine settimana.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven