mercoledì 15 maggio 2013

Il giro d'Italia al Vajont, 50 anni dopo



il Vajont, oggi

Cari amici, oggi ho seguito la tappa del Giro d'Italia con maggio attenzione delle altre, e non perché era il secondo arrivo in montagna.
A distanza di cinquant'anni, i corridori hanno percorso la valle che visse la tragedia del Vajont, la frana che si staccò dal monte Toc provocando  due ondate che si abbatterono a valle, cancellando Longarone e le frazioni di Pirago,Rivalta, Villanova e, parzialmente, Faè.
Le vittime del disastro furono 1910, di cui 1450 residenti nel comune di Longarone.

La tappa odierna, lunga 182 Km con due Gpm di seconda categoria che prevedevano l'ascesa appunto da Longarone alla diga del Vajont, dove era stato posto il traguardo.
E' stata chiamata quella "della memoria", perché ha permesso di ricordare uno dei drammi più dolorosi della nostra Italia.
E' arrivato al traguardo in solitudine, il bravo Ramunas Navardauskas del team Garmin, seguito da tre italiani. Nell'ordine, Daniel Oss, Stefano Pirazzi (l'attuale maglia azzurra) e Salvatore Puccio.
La maglia rosa è saldamente sulle spalle di Vincenzo Nibali, al quale faccio i miei migliori auguri di conservarla fino al 26 di Maggio, al traguardo di Brescia!

Rivedere quelle montagne mi ha emozionato molto,  ma ancora di più, oltre il fatto sportivo, la volontà e la determinazione degli abitanti di quella valle, persone che meritano tutta la mia stima, sia per la passione sportiva dimostrata oggi, sia  per l'umanità e la tenacia di allora, per la ricostruzione.


L'attuale maglia rosa del giro d'Italia, Vincenzo Nibali

8 commenti:

  1. Ricordo quella tragedia. Io sto facendo un post sul Duomo di Gemona Quando ho tempo lo finisco e lo pubblico.
    Buona serata Leonardo
    enrico

    RispondiElimina
  2. Me lo ricordo anch'io quel dramma. E' stato terribile.
    Bello che il Vajont non sia stato dimenticato.

    RispondiElimina
  3. Caro Leonardo, ricordi tragici che mi ricorda il dolore di un amico che era qui in Svizzera che in quella tragedia perse 2 famigliari.
    Come vedi che nonostante molto impegnato con il mio blog per l'occasione del raduno alpini a Piacenza eccomi qui per un caro saluto.
    Bella foto ricordo del giro d'Italia di quest'anno.
    A presto rileggerti caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Mi ricordo bene...ero una ragazzetta piccola ma le immagini che provenivano dal voluminoso televisore in bianco e nero erano davvero angoscianti!

    RispondiElimina
  5. Ricordo benissimo le immagini di quella tragedia che mi avevano tenuta tristemente incollata alla TV e la mia grande ammirazione per la tenacia e la volontà degli abitanti di quella valle per la ricostruzione.
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
  6. Ero piccola ma ricordo quell'immane tragedia e ricordo anche la tenacia e il coraggio con cui i rimasti affrontarono , quasi da soli e senza aiuti, la ricostruzione. Gente davvero tosta.

    RispondiElimina
  7. Avendo una certa età ricordo tutto o quasi, come ricordo l'emozione nel sapere che un amico, conosciuto quell'estate dalle parti di Calizzano (SV), di qualche anno più anziano di me, fu a prestare, da militare, soccorso in mezzo a quell'immane tragedia.

    RispondiElimina
  8. Una tappa molto significativa dunque; si vede che sei appassionato di ciclismo, si capisce perfettamente da come ne parli con entusiasmo.
    Il mio pensiero va a tutte quelle persone che persero la vita in quel disastro..ricordo che ero una ragazzina e che a scuola se ne parlò molto..Buona domenica Leo, ciao a presto

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven