sabato 11 maggio 2013

Auguri a tutte le mamme!



E' sempre troppo riduttivo per una mamma chiamarla "TUTTO" , come recita il titolo di una canzone del 1976, portata al successo da Iva Zanicchi e interpretata anche dal Piccolo Coro dell'Antoniano di Bologna.
Oggi più che mai andrebbe rivalutata, incoraggiata, gratificata, elevata al grado più alto della società. Da lei parte tutto. Lei fonda e mantiene in piedi la famiglia e quindi la società.

"Mamma" è forse la più celebre delle canzoni dedicate alla figura femminile per eccellenza.
Fu composta da Cesare Andrea Bixio nel 1940, a cantarla fu Beniamino Gigli.
Furono in tanti ad interpretarla, ma personalmente credo che una delle migliori sia ancora quella dell'indimenticato Luciano Pavarotti.

A tutte le mamme,  comprese quelle che abitano in Cielo e che da quel luogo ci proteggono e ci ascoltano (come la mia) , dedico la versione della mia banda.

6 commenti:

  1. Ciao Leonardo, grazie!
    Tantissimi auguri anche alla tua mamma che lassù ti guarda e ti abbraccia con la sua presenza costante, anche se non la vedi.
    Un abbraccio e buon week-end

    RispondiElimina
  2. Ciao Leonardo sono qui per fare gli auguri alla tua cara mamma,
    che anche lei da lassù insieme alla mia e tante altre ci staranno a guardare
    un caro saluto e buon fine settimana.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  3. una bellissima dedica, caro Leonardo! Grazie di cuore!

    Cri

    RispondiElimina
  4. Una canzone bellissima, e bella anche la vostra versione. Grazie Leo, auguri anche alle nostre mamme, che ci guardano di lassù. La rosa è splendida.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Mi unisco! Gran bella rosa, quella, poi!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven