sabato 13 aprile 2013

la "prima" del Messiah di Handel



L'Auditorium Rai di Torino, intitolato ad Arturo Toscanini

“Il Sublime, il Grande e il Tenero, adattati alle parole più elevate, maestose, commoventi, cospirano a trasportare e affascinare il Cuore e l’Orecchio estasiati”.

Queste sono le parole utilizzate dal "Dublin Journal" per descrivere il successo del "Messiah" di Georg Friedrich Handel all'indomani della prima esecuzione, avvenuta il 13 Aprile 1742

Cari amici, come sapete sono un "fan" della musica barocca, con una predilezione speciale per questo compositore..
Ieri sera, l'orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta dal Maestro Ottavio Dantone  ha proposto, dall'Auditorium Arturo Toscanini di Torino, questo oratorio in tre parti per soli, coro e orchestra.
Sopra tutti , il protagonista assoluto di questo capolavoro è il coro, per questa serata il Ruggero Maghini di Torino diretto da Claudio Chiavazza.

Ho trascorso un'ottima serata, in compagnia di una pagina musicale tra le mie preferite.

Il brano  più famoso e conosciuto  è il celebre "Allelujah" leggero e contemporaneamente potente, dotato di una carica emotiva che travolge.
La tradizione vuole che il re Giorgio II quando sentì questo coro per la prima volta era così agitato che balzò in piedi, seguito da tutti gli altri.

Io l'ho ascoltato tutto da seduto, in religioso silenzio....
La registrazione che propongo all'ascolto, è la diretta radiofonica di ieri sera.

Buon fine settimana !


2 commenti:

  1. Irrsistibile l'energia di questo splendido brano che anch'io adoro!
    GRAZIE!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo questo brano, veramente da ascoltare in religioso silenzio!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven