venerdì 8 febbraio 2013

Arturo Benedetti Michelangeli : il mito.


Per descrivere brevemente chi è stato Arturo Benedetti Michelangeli, ho preso spunto da un libro- intervista a cura di Pier Carlo Della Ferrera, dal titolo : La perfezione si fa Musica.
Personaggio schivo oltre ogni misura, non rispondeva quasi mai agli applausi perché riteneva che dovevano essere diretti ai compositori dei brani eseguiti.
Sfuggiva la popolarità, concedendosi rarissimamente ai giornalisti e alla stampa.

Cari amici, questo grandissimo musicista – pianista che fu paragonato ad altri miti del calibro di Richter e Horowitz .oggi desidero presentarlo sotto la veste di compositore.
Fu un grande appassionato di etnomusicologia ed estimatore del canto popolare proveniente dalla tradizione corale, in particolare, vista la sua passione per la montagna dell'area alpina, soprattutto trentina.
Le diciannove armonizzazioni di canti popolari che dedicò al coro della S.A.T. di Trento rappresentano la sua unica attività come compositore: una piccola produzione, nella quale è però racchiusa tutta l'incommensurabile eleganza stilistica che lo ha sempre contraddistinto.

Una di queste canzoni è “la pastora e il lupo” , del 1938 che ancora oggi è uno dei punti di forza della prestigiosa corale Trentina.
Esecuzione che a me mette ancora i brividi...

Concludo con una curiosità : nel 1960, il Maestro tenne un corso di perfezionamento nel Castello di...Moncalieri, città della cintura di Torino verso sud.


Buon ascolto!

6 commenti:

  1. Ciao Leonardo non conoscevo questo musicista ma il coro SAT lo conosco e anche il canto
    magistralmente interpretato nel video , ho avuto l'onore di sentirli cantare nell'ultimo radono a Bolzano un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Quanti ricordi, caro Leonardo, sentire questo coro che ogni adunata nazionale degli alpini non manca mai.
    Gra zie di questo bel post. Grazie pure di averci fatto conoscere i musicista, che io ignoravo la sua esistenza.
    Un abbraccio augurandoti un buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. finalmente qualcuno che ricorda michelangeli

    RispondiElimina
  4. Ciao Sirio,
    probabilmente mi ripeterò, ma amo moto la musica e in particolare i pianisti, entrambi i miei genitori erano pianisti.
    Di Michelangeli penso tutto il bene possibile, perché era veramente un virtuoso del pianoforte.
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  5. Porca miseria, chissà quante volte l'ho cantata assieme ai miei amici e non sapevo neanche che c'era lui all'origine. Il giorno in cui mia moglie raggiungerà il livello di Michelangeli nel pianoforte pubblicherò sul mio blog un post, ma non sarà per domani perché, come per me il canto, è, per lei un hobby. Comunque io canto in tenore e lei in soprano. Buona domenica Sirio.

    RispondiElimina
  6. Il pezzo l'avevo già ascoltato ma non immaginavo fosse del grande Arturo Benedetti Michelangeli. Grazie per la notizia.
    Buona domenica
    enrico

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven