giovedì 10 gennaio 2013

Un corale famoso


Il corale “ Jesus bleibet meine Freude "(Gesù rimani la mia Gioia); è un vero e proprio canto di gioia, il popolo ha finalmente conosciuto Gesù e la sua natura, e da lui non si vuole più allontanare.
E' la conclusione della Cantata n. 147 una delle più famose del repertorio Bachiano ,dedicata  alla Visitazione di Maria.
Contrariamente a quanto si pensa, questo celebre corale non fu composto da Bach, che si limitò all'arrangiamento ed orchestrazione della melodia"Werde Munter", bensì è opera del violinista e compositore tedesco Johann Schpo (1590-1667).

Cari amici, come già tanti di voi sanno già,  io non ho studiato al Conservatorio, che per il diploma d'organo richiede ben 12 anni di studio.
Ho seguito (tanto tempo fa) un corso di quattro anni presso l'Accademia corale Stefano Tempia di Torino, che allora includeva pure la scuola d'organo.
Questi studi - uniti ad una costante pratica dello strumento e ad un'indiscussa passione -  mi permettono di affrontare alcune partiture del vastissimo repertorio di Bach, una delle quali è appunto questo brano.

Ve lo propongo all'ascolto nella partitura come venne "arrangiata" (scusate se è poco...) dal maestro di Eisenach, che oltre all'impiego del coro prevede la tromba, oboi I/II, violini I/II, viola e basso continuo.

Buon ascolto!

8 commenti:

  1. Sublime!!! Una sintesi di rigore e dolcezza!
    Grazie, e ancora auguri di Buon Anno!

    RispondiElimina
  2. Interessantissimo post, caro Leonardo; bellissima l'esecuzione del corale.

    Un caro saluto
    Cri

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver condiviso questo
    stupendo brano che più l'ascolti
    e più l'ascolteresti
    ciao buon fine settimana,
    tiziano

    RispondiElimina
  4. Troppo bella Leonardo... mi piace tantissimo il violino...
    Grazie mille... un bell'ascolto.
    Dolce notte

    RispondiElimina
  5. Veramente bella caro Leonardo, noi qui la conosciamo benissimo perché la lingua ufficiale è tedesca, e nelle chiese non manca mai ad ogni funzione religiosa. Ciao e buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Che emozione: di colpo riportata ai miei 18 anni quando cantavo nella Corale Rossini ...quella di Pavarotti...ma LUI era già altrove.

    RispondiElimina
  7. Questa musica ti proietta immediatamente in un mondo cristallino fatto di purezza ed eleganza.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven