mercoledì 16 gennaio 2013

Torino Porta Susa


Oggi pomeriggio - la giornata era fredda, ma molto bella -  ho visitato la nuova stazione di Porta Susa.

Struttura avveniristica,  se non fosse per la scritta posta in corrispondenza degli ingressi, e l'abbondanza di loghi delle Fs,  a prima vista non si direbbe proprio che si tratta di una stazione ferroviaria.
La caratteristica principale è senza dubbio l'estesa copertura trasparente, il lungo percorso che da piazza XVIII Dicembre raggiunge corso Matteotti, per terminare in corso Vittorio Emanuele II è un tripudio di luce, al quale contribuiscono il colore grigio chiaro  dei siti, alcuni già funzionanti ad altri ancora in fase di allestimento.

Alla nuova stazione si accede sia dalla vecchia struttura (ingresso frontale), sia dalle nuove porte situate in corso Bolzano.
Abbondanza di scale mobili e di ascensori non ancora tutti funzionanti, nonostante l'inaugurazione ufficiale di lunedì scorso

Personalmente ne ho avuto una buona impressione, nonostante i numerosi lavori ancora in corso d'opera, credo che per vederla finita completamente dovrò avere ancora in po' di pazienza.

Ah , dimenticavo; avveniristica anche perché è la prima stazione che vedo...senza binari, che passano in sotterranea !!


ingresso da corso Vittorio Emanuele II ( non ancora funzionante)


esterno della stazione - in lontananza piazza XVIII Dicembre


interscambio tra stazione Fs e Metropolitana


una parte dell'imterminabile corridoio della stazione
(qui ero circa a metà struttura...)


la biglietteria


un ingresso da corso Bolzano, con  angolo bar


una delle future uscite su corso Inghilterra in superficie ancora tutte chiuse.
(per ora si passa in sotterranea)


uno dei locali ancora in fase di allestimento.

Cari amici, non potevo concludere questo post se non presentandovi i veri protagonisti di questa stazione : i treni! 
Due "frecciarossa", uno in partenza e successivamente un altro in arrivo, rispettivamente sui binari 4 e 3 sotterranei.

10 commenti:

  1. Ma si, davvero avveniristica. E' lo stile delle nuove strutture architettoniche. Ed è proprio molto bella. Immagino ci sia spazio anche per diversi esercizi commerciali, tanto per impedirci di sottrarci allo shopping forzato.

    RispondiElimina
  2. E verramente e una stupenda opera avveniristica
    ciao Leonado buona notte.

    RispondiElimina
  3. Si certo avvenieristica, ma per una stazione secondaria direi troppi soldi spesi, inoltre, un po' contro-corrente mi dispiace sempre per quel giardino che hanno demolito nella piazza depositario di tanti ricordi...ma la tecnologia deve andare avanti.
    Comunque un bel reportage

    RispondiElimina
  4. L’impatto visivo è notevole. È molto luminosa e suppongo sia anche funzionale.
    Ciao buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  5. Wow... davvero una gran bella stazione... non capisco se sono le foto a rendere... o è veramente una bella struttura...
    Ciao Leonardo, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Credo che questa sia l'inizio per fare questa linea ad alta velocità e che venga iniziati i lavori per terminare questa benedetta linea che continuano a bloccare i lavori...
    Bella veramente un fiore all'occhiello di Torino.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Curioso! Che bel reportage! Mi sembra di esserci stata!

    RispondiElimina
  8. dopo il tuo reportage di Porta Susa così ben documentato ho pensato tanto a quell'angolo di giardino con le sue scalinate in cui erano depositati tanti miei ricordi e ho pensato di chiederti se tu avessi mai delle foto del periodo in cui c'era, sul web non sono riuscita a trovare nulla (solo qualche cartolina della facciata della stazione).
    Sarebbe davvero una bella cosa.
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana, tra le mie innumerevoli fotografie ferroviarie di Porta Susa com'era, non ne ho specifiche che riguardano il giardino e le scalinate che collegavano piazza XVIII dicembre a corso Inghilterra.
      Ho però alcuni scatti che ho fatto dalla scalinata lato stazione, e un'altra dalla piazza dove sullo sfondo compare il giardino che c'era all'imbocco di corso Bolzano.
      Pensi che ti possano interessare?
      Fammi sapere, buona serata!

      Elimina
  9. Un reportage, l'ennesimo da parte tua, con tutti i crismi!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven