giovedì 6 dicembre 2012

per non dimenticare : 8 Dicembre 1942


Cari amici, il giardino pubblico che vedete in fotografia, è stato ultimato di recente.
E' un angolo tranquillo del mio quartiere, lontano dal traffico e meta - stante anche la vicinanza della bocciofila - di pensionati , anziani o semplicemente persone che vengono a fare due chiacchiere.

Non aveva ancora un nome.

E' un luogo tristemente famoso, qui la sera dell'8 Dicembre 1942 - festa dell'Immacolata -  un bombardamento aereo distrusse la chiesa di Madonna di Campagna , provocando la morte di 64 persone, tra cui anche alcuni frati cappuccini.

Questa mattina,  alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni - Provincia, Comune, V Circoscrizione, Forze armate - e dell'attuale Parroco,  si è svolta la cerimonia di intitolazione.
E' stato un momento di intensa commozione, all'evento erano presenti l'unico superstite di quella tragica notte e i nipoti di altre vittime.
Ai ragazzi delle scuole e a tutti i presenti, è stata ribadita l'assurdità della guerra : poter vivere in pace è una conquista che si deve difendere ogni giorno.

Ecco alcune mie fotografie


il gonfalone della Provincia di Torino e quello del Comune


guardia d'onore


cittadini presenti









11 commenti:

  1. è giusto ricordare un triste evento che la comunità ha dovuto subire.
    buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Raggio, ti dico solo una cosa: il mio papà (classe 1920...) di quel periodo non ne volle MAI parlare, si giustificava dicendo che gli faceva troppo male ricordare quel periodo, riaffioravano alla mente ansie,paure...

      Un caro saluto.

      Elimina
  2. Una giusta commemorazione per quelle vittime, bisogna fare di tutto vino che non si siano più guerre.
    Buona serata cara Leonardo, prepariamoci al grande freddo!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, caro Tomaso.
      Io non ho vissuto quel periodo, ma vedo cosa sta succedendo in questi giorni in medio oriente, l'ultima in ordine di tempo...e non ci sono parole!
      Un forte abbraccio, caro amico.

      Elimina
  3. Come non essere d'accordo sull'assurdità della guerrra? Solo in Italia ben poche città non conobbero l'orrore dei bombardamenti della seconda guerra mondiale.

    RispondiElimina
  4. Il giardino lo riconosco, ma non conoscevo questo triste episodio.
    La guerra non dovrebbe esistere ed invece pare insita nell'uomo.
    Le tue foto danno sempre emozioni!

    RispondiElimina
  5. Anche mio babbo ne parlava malvolentieri, bisognava insistere e si commuoveva sempre. DOVEROSO RICORDARE.

    RispondiElimina
  6. e allora un augurio perchè diventi un bel posto di ritrovo dove star bene e con gioia :)

    RispondiElimina
  7. La memoria deve sempre essere mantenuta!

    RispondiElimina
  8. Ciao Sirio, penso di aver già detto cosa penso io delle guerre, per qualsiasi motivo vengano scatenate. In questi giorni, pensando alle prossime feste tutto il mondo dimentica che ce ne sono altre in gestazione e che forse scoppieranno all'inizio dell'anno prossimo.
    Non conoscevo l'episodio da te segnalato in questo post (non si può conoscere tutto se a scuola non ci hanno mai fatto studiare il periodo della seconda guerra mondiale nei suoi dettagli. Io sono nato 16 giorni dopo questo avvenimento, ma ho avuto il tempo, quando avevo qualche mese, di sentire il rumore delle bombe su Porto Marghera. Mia madre si è gettata sulla mia culla ed ha ricevuto sulla schiena tutto l'intonaco del soffitto che, altrimenti, sarebbe crollato su di me. Buona serata.

    RispondiElimina
  9. Ampiamente frequentata la cerimonia. Me ne rallegro, vuol dire che siamo in tanti a non volere più guerre.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven