venerdì 9 novembre 2012

Addio, Ponte Castellamonte.


E' arrivata  la notizia che speravo di non leggere mai. e che invece  ho letto , con rammarico, su "Il Risveglio" , settimanale che include anche le pagine dedicate a Venaria.

Riporto qui di seguito un estratto di tale articolo, a firma Gianni Giacomino

"La soprintendenza ai Beni Culturali ha dato il via libera al progetto di costruzione del nuovo ponte che attraverserà il Ceronda. Questo vuol dire che verrà abbattuto il vecchio attraversamento militare, realizzato nel 1878.
Al suo posto è previsto venga edificato un ponte più alto e più largo (circa 14 metri), in grado di resistere alle piene del Ceronda e al peso di camion e bus carichi di turisti diretti alla Reggia. «Abbiamo fatto tutto il possibile per evitare la demolizione, raccogliendo circa 4.500 firme (compresa la mia), è stato inutile.
 Ora non ci resta che accettare la volontà di chi ha progettato tutto questo, a cominciare dai parcheggi, le prossime cattedrali nel deserto, visto che si tende a privilegiare il trasporto pubblico - riflette Gian Carlo Perosino, il coordinatore del comitato Cento Fiori che ha preparato un dossier, lungo 30 pagine, di osservazioni tecniche molto dettagliate, farcito di dati idrometrici, di storia delle piene del Ceronda - Questo è il tempo delle decisioni e non più delle discussioni. Speriamo che il Ceronda non si arrabbi più come nel 1994 e mi auguro costruiscano anche le difese spondali a monte, mai realizzate».

Cari lettori, penso che sia un pezzo di Storia che se ne va, come avevo già avuto modo di scrivere QUI.
 Fino ad oggi, le piene del Ceronda hanno sì provocato danni (vedi il 1994) ma TUTTI i ponti - Castellamonte compreso - sono sempre lì....

Buon fine setttimana !



7 commenti:

  1. Che peccato! A volte prendono dall'altro certe decisioni che ti lasciano perplesso e ti fanno pensare che dietro ci sia un qualche motivo diciamo "economico".

    RispondiElimina
  2. Accidenti! Volevo dire "dall'alto"

    RispondiElimina
  3. Notizie di questo genere purtroppo si sentono spessa...
    Peccato che non si possa fare nulla!!!
    Ciao e buon fine settimana caro Leonardo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace sapere che verrà demolito questo ponte. Storie come queste accadono spesso, purtroppo. Capisco che sia necessario migliorare le strutture pubbliche, ma ciò non dovrebbe interferire con cambiamenti radicali su ciò che è storia!

    Cri

    RispondiElimina
  5. Che peccato, è così bello. Proprio non c'era altro modo...?

    RispondiElimina
  6. Proprio un vero peccato visto che sta ancora li!
    Ciao Sirio, buona domenica.
    Roberta.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven