martedì 3 luglio 2012

UNA MONTAGNA...LUNARE



Il monte Chaberton,3130 metri s.l.m.
E' stata una delle salite più impegnative che ricordo di aver fatto, oltre il Rocciamelone.
Da Cesana Torinese (1350 metri s.l.m.) si prende  la strada che porta al confine italo-francese del Monginevro, a Fenils  ci si mette gli scarponi e si inizia l'ascensione.
Il primo tratto della salita è agevole, immerso nel verde.
Successivamente, prendendo quota sui tornanti della vecchia strada militare, il paesaggio cambia radicalmente e il bosco lascia il posto ad un pendio completamente brullo, assolutamente privo di vegetazione.
Perchè tutto questo interesse per una montagna così inospitale? per la fortificazione militare esistente sulla vetta,cari amici! La più alta d'Europa,un punto strategico che dominava l'italiana val di Susa e la francese valle di Briancon. Fino alla conclusione della seconda guerra mondiale lo Chaberton era in territorio Italiano,dopo l'armistizio passò ai Francesi.
Tre/quattro ore circa di marcia,ma l'imponenza della costruzione in cima ripaga ampiamente lo sforzo,pensando alla vita che condussero i nostri alpini in un un posto simile... non certo di villeggiatura.

Una nota sportiva:
La scalata allo Chaberton è parte integrante dell'IRONbike, una manifestazione divenuta famosa e che ogni anno, in Luglio, richiama molti appassionati  di questo sport.
Sette giorni,sette tappe durissime tra le montagne che fanno da confine tra Italia e Francia.Questa però è roba da professionisti, non da ciclo-amatori come me...




12 commenti:

  1. Ciao Sirio, sarà stato impegnativo e immagino faticoso, ma anche la soddisfazione sarà stata tanta, è una montagna bellissima!
    Sorridente giornata!

    RispondiElimina
  2. Ricordo le marce militari proprio in quelle zone e con quegli scenari!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Ciao Leonardo la fatica in montagna viene sempre ripagata alla fine
    buona giornata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  4. bellissimo....mi piace camminare anche se non sono poi così allenata...ma con il mio passetto e i miei tempi arrivo :)

    RispondiElimina
  5. lì si tocca proprio il cielo! che incanto!
    buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  6. Affascinanti sia la montagna che la storia del forte!

    RispondiElimina
  7. Ciao Sirio, tra qualche giorno mi godrò un po' di ferie...spero di riuscire a fare una bella camminata in montagna anche se qui da me non ce ne sono di così alte;))
    Lieta serata. Roberta

    RispondiElimina
  8. E' vero cara Raggio, io aggiungo anche che in quei posti si percepisce il "rumore" del silenzio...

    Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Sarà stato durissimo per i nostri militari che chissà se riuscivano a rendersi conto della bellezza della montagna, presi com'erano da pensieri certo non allegri.

    RispondiElimina
  10. Un'escursione proprio impegnativa, ma credo ne valga la pena!

    RispondiElimina
  11. Non ti sapevo anche scalatore!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven