venerdì 8 giugno 2012

Romanticamente : Robert Schumann



Robert Alexander Schumann

202 anni fa, l'otto giugno 1810 nasceva a Zwickau (Germania) Robert Alexander Schumann
Diurante la sua breve vita ( morirà a soli 46 anni, nel 1856) diede il meglio di sè negli innumerevoli brani pianistici - era un virtuoso di questo strumento - e nei lieder.
Era una persona molto colta , e la sua ispirazione musicale si richiamava sovente alla poesia e alla filosofia propria del suo tempo.
Un altro notevole "input" fu costituito dalla moglie Clara Wieck , probabilmente l'ispiratrice del famoso "Traumerei" o Sogno d'amore.
Tra le sue opere, figura anche l'Album per la gioventù (titolo originale tedesco: Album für die Jugend), op. 68, è una raccolta di brani musicali semplici composti  nel 1848 per le sue tre figlie. Questo album è composto da 43 pezzi facili divisi tra "per i più piccoli" e "per i più grandi".

Di questa raccolta, desidero presentarvi una breve composizione per pianoforte,   il "Contadino allegro" collocato nei pezzi "per i più piccoli" al n° 10.

5 commenti:

  1. Grazie caro amico, per averci presentato un motivo giocoso ...per toglierci i tristi pensieri di questo nostro tempo difficile. Ho gradito molto! Un bacione a presto

    RispondiElimina
  2. Caro Leonardo come mi piace assaporare queste dolci note.
    Grazie di averle condivise.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao Leonardo ci voleva un pezzo allegro per questo triste periodo che stiamo passando, l'ò ascoltato volentieri allontana i tristi pensieri
    buona serata

    Tiziano.

    RispondiElimina
  4. In questo pezzo Schumann ci proietta nell'atmosfera rurale, fatta di semplicità e di gioia.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio, è sempre bello ascoltare qualcosa che rimanda all'allegria!
    Sorridente giornata caro amico!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven