mercoledì 9 maggio 2012

Cinquant'anni fa...

 anni fa . . . 

Era il 1962, un trentenne Adriano Celentano cantava  "sei rimasta sola", forse la più bella canzone scritta da Ricky Gianco e arrangiata da Miki Del Prete, ai tempi in cui entrambi facevano parte del  Clan.
È proprio con Del Prete che Celentano decide di fondare una casa discografica, il Clan Celentano, che raggruppasse tutti i musicisti suoi amici, sul modello di ciò che aveva fatto oltreoceano Frank Sinatra.

Una delle melodie intramontabili che hanno fatto del  "molleggiato"  il personaggio che tutti conosciamo.


Ora sei rimasta sola,
piangi e non ricordi nulla,
scende una lacrima sul tuo bel viso
lentamente, lentamente.

Ora sei rimasta sola,
cerchi il mio viso tra la folla,
forse sulle tue piccole mani
stai piangendo il tuo passato.

Ma domani, chissà,
se tu mi penserai
allora capirai
che tutto il mondo eri tu.

La tua vita così
a niente servirà
e tutto intorno a te
più triste sembrerà.

Ora sei rimasta sola,
piangi e non ricordi nulla,
scende una lacrima sul tuo bel viso
lentamente, lentamente.

Lentamente, lentamente.
Lentamente, lentamente..

Altre canzoni celebri che compiono cinquant'anni :
Ogni giorno - Paul Anka
Speedy Gonzales - Peppino di Capri
Quando quando quando - Tony Renis

5 commenti:

  1. Ero poco più di un ragazzino quando qualche anno dopo lo ascoltavo! Ho consumato il 45 giri nel "melanconico" mangiadischi. Ciao.

    RispondiElimina
  2. erano tempi in cui si sognava... grazie per le segnalazioni!!!buona serata!

    RispondiElimina
  3. Mitico l'Adriano. A me piace molto anche "Soli". Mica male anche le altre cinquantenni. Senti, se lo apprezzi, ti ho dato un premio sul mio blog e puoi prenderlo quando vuoi. Viva la musica.

    RispondiElimina
  4. Ciao Leonardo avevo tutti i dischi
    di Adriano ero un suo fans e lo sono tuttora grazie.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven