mercoledì 21 marzo 2012

Bentornata, primavera



"Il primo giorno di primavera" non è solo il titolo di una bella canzone degli anni 60 dei Dik-Dik ,  è anche la data di nascita di quel genio della musica che fu Johann Sebastian Bach.
Nonostante la sua vastissima produzione, incentrata quasi esclusivamente sull'esaltazione della introspezione, non mi risulta che Bach abbia dedicato qualche sua composizione - diversamente da Beethoven, per esempio -  alla natura e alla bellezza del creato, pur essendo di saldi principi morali.

Per fare omaggio a questa stagione e contemporaneamente  al grande compositore di Eisenach, ho scelto la celebre "aria sulla quarta corda", nota sigla delle trasmissioni curate da Piero e Alberto Angela.

Buon ascolto e buon inizio di primavera!

6 commenti:

  1. Ascoltando queste dolci note ti auguro un buon inizio di primavera caro amico Leonardo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Il post mi piaceva... peccato per la citazione degli Angela, con cui ho un pessimo rapporto (chiaramente loro non lo sanno!) a causa del comportamento orribile di Piero Angela con Gustavo Rol... (ma questa è un'altra storia!)
    Buona primavera!

    RispondiElimina
  3. Non c'è musica più adatta a celebrare la primavera, anche se dal ritmo un po' nostalgico.

    RispondiElimina
  4. Un rinnovarsi che ci rigenera!
    Ciao Sirio, Roberta

    RispondiElimina
  5. Che scelta azzeccata, caro Sirio!
    Buona Primavera anche a te.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven