lunedì 7 novembre 2011

VILLA E PARCO DELLA TESORIERA



La villa della Tesoriera venne costruita per il tesoriere di Vittorio Amedeo II nel 1715 da Jacopo Maggi.
E' collocata sull'asse del lungo viale barocco, la via di Francia, che Michelangelo Garove aveva progettato (1711-1712) per unire la città al castello di Rivoli, una delle residenze della " corona di delizie", sistema di di castelli ducali dedicati alla caccia e allo svago.
La villa, passata nel nel 1846 ai Marchesi di Sartirana, fu ampliata e ridisegnata nel parco.

Per il visitatore di oggi, il parco si presenta dietro la cancellata di corso Francia 192, è la reggia in miniatura di Torino Ovest con tanto di fontana e roseto.
Senza fiume e senza borghi, la Tesoriera è il piccolo Valentino che viene abitualmente frequentato in prevalenza dagli anziani di borgata Parella.
Ci si ritrova in una quiete quasi irreale, lontani dal frastuono del traffico: un angolo in Torino che sembra esserne fuori...
E' conosciuto come "Giardin dël Diav" (il giardino del diavolo), in quanto si vociferava che apparisse galoppando nel Parco un cavaliere nero, forse il fantasma del Tesoriere del Re, Ajmo Ferrero di Borgaro
Vicino all’ingresso troneggia il gigantesco platano di sei metri e mezzo di circonferenza, piantato nel 1715: è l'albero più vecchio della Città.





il platano ultra-centenario









9 commenti:

  1. Come sempre caro Leonardo i tuoi post sono sempre molto istruttivi, io di questo ti ringrazio.
    Spero che la tua Torino passi indenne questo brutto mal tempo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Grazie caro Leonardo di farci vedere un pò alla volta dei luogni stupendi della bellissima Torino,buona serata.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  3. Ma che bel posto! Torinio è una città meravigliosa e cela veri tesori nascosti!

    RispondiElimina
  4. E' sempre bello conoscere angoli d'Italia che non conosco. Grazie
    Ciao
    enrico

    RispondiElimina
  5. Villa e parco sono stupendi!

    RispondiElimina
  6. Come di consueto, riprendi alla grande ottimi soggetti.
    P.S.
    Proprio in questi giorni mi ripassavo qualcosa su quel Savoia lì ...

    RispondiElimina
  7. Che bel post e che foto stupende!!!Complimenti!!!

    RispondiElimina
  8. Le tue descrizioni e le tue fotografie mi riconciliano con la città. Vedevo Torino come una città industriale e poi ci sono passato in giorni di pioggia che non mi hanno permesso di visitarla bene, come avrebbe meritato. Dovrò ornarci seguendo i tuoi consigli. A presto.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven