venerdì 25 novembre 2011

ACQUA , L'ORO BLU



la Stura della val Grande di Lanzo


 Chiare,fresche et dolci acque,
ove le belle membra
pose colei che sola a me par donna;
gentil ramo ove piacque
(con sospir mi rimembra)
a lei di fare al bel fianco colonna"

 Petrarca,dal Canzoniere

Torino è conosciuta come “la città dei due fiumi”,e più precisamente il Po e la Dora.

Dal punto di vista delle risorse idriche a questi corsi d’acqua vanno aggiunti anche il Sangone e lo Stura, meno imponenti dei primi due ma che contribuiscono anch’essi al soddisfacimento delle necessità del territorio.

 "L’acqua di Torino si lascia bere. Il merito è di una delle reti idriche e di un impianto di trattamento di acque potabili fra i più grandi e avanzati in Europa. Gran parte dell’acqua che arriva nella case dei torinesi, oltre il 75%, proviene da pozzi che attingono a una o più falde acquifere sotterranee, mentre il restante 8,5% viene prelevato dalle sorgenti del Pian della Mussa e di Sangano.
Prima in Italia, la Smat ha utilizzato l’acqua di origine superficiale realizzando un impianto in grado di rendere potabile fino a 2.500 litri al secondo di acque prelevate dal Po.”
Fonte:Altroconsumo


Per noi assetati ( e non solo noi...), in città non è difficile trovare i “toret”,caratteristiche fontanelle dove l’acqua esce dalla bocca di un torello,il simbolo della città!



buon fine settimana!

7 commenti:

  1. Parole doro le tue caro Leonardo.
    Belle le due immagini.
    Ciao e buona serata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ottima notizia. E splendida immagine, che mi riporta a luoghi incantevoli dove sono pur passato.

    RispondiElimina
  3. Voglio ringraziarti perchè i versi del Petrarca mi hanno riportato indietro ad bel periodo tra i banchi di scuola. Trovo davvero originali le tipiche fontanelle di Torino!!!
    Saluti cari Elettra.

    RispondiElimina
  4. Post interessante. Curiosi e simpatici i “toret”le fontanelle con il toro.
    Buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina
  5. Beati i torinesi. Qui da noi, nonostante i mirabolanti filtraggi delle condotte comunali, sono stato costretto a mettere un filtro in garage ed un'altro sotto il lavello.
    Per i "toret" meglio sulle fontane che dentro un'arena. Sono un anticorrida 100%.
    Grazie Sirio, sia per i versi del Petraca, che per i bei posti dove ci conduci. Buona domenica.

    RispondiElimina
  6. beati voi...qui a Modena l'acqua è bevibile ma "durissima" e mooooolto clorata.
    Non sapevo dei toret...che belli!

    RispondiElimina
  7. Ciao Sirio, sembra proprio che anche quei colombi abbiano capito quanto sia buona l'acqua della tua città!

    Serena serata!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven