martedì 25 ottobre 2011

VITA D ' ARTISTA


la sala d'oro del  Musikverein, a Vienna

Johann strauss figlio , più conosciuto come " il re del valzer", nacque a Vienna  il 25 ottobre 1825.
 In famiglia lo chiamavano Schani , (diminutivo austriaco per Johann) per non confonderlo con il padre che si chiamava anche Johann.

Il 15 ottobre 1844, il giovane Johann  entrò nella storia della musica, esibendosi per la prima volta, senza l’approvazione del padre, al Casino Dommayer di Hietzing con orchestra e composizioni proprie.
Il pubblico che riempiva il locale, al ritmo delle sue musiche  fu preso da tale e tanto entusiasmo che richiese sempre di più. Dovette ripetere alcuni brani fino alla diciannovesima volta.
Il debutto del giovane Strauss era stato un successo veramente trionfale e la stampa scrisse: “Buona notte, Lanner! Buona sera Strauss-Padre! Buon giorno, Strauss-Figlio!”

All’epoca del suo matrimonio con Jetty, (la prima moglie, Henriette Challupetzky) Johann Strauss compose “Sul bel Danubio blu”.
Il “Valzer del Danubio”, come viene più semplicemente chiamato dai viennesi, era stato concepito come brano corale per il Coro maschile di Vienna.
Poco dopo la prima esecuzione Johann Strauss ne pubblicò una versione per orchestra, che nello stesso anno fece furore a balli e concerti ed è ancora oggi sinonimo di valzer per antonomasia.
Strauss esitò per anni prima di comporre operette; fu la moglie Jetty - cantante lirica -  a spronarlo ed incoraggiarlo, ed alla fine riuscì nel suo intento.
" Il pipistrello" è stata l'operetta più rappresentata al mondo.
Il suo esordio avvenne nel 1874 al Theater an der Wien, e fu un successo strepitoso.

Cari lettori, quella che all' epoca di Strauss era musica leggera, è entrata di diritto nel repertorio classico, a tutti gli effetti!
 Il brano che desidero proporre è l'Ouverture di questa composizione.
L'esecuzione è emozionante, era nel programma del Concerto di Capodanno 2010, diretto da Georges Pretre.
Buon ascolto!


5 commenti:

  1. Una sinfonia stupenda! Grazie di averla condivisa con noi.
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  2. Io caro Leonardo non ne capisco molto di musica, ma sentire una sinfonia che ti dondola sulle sue dolci note è un piacere.
    Buona giornata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bel post. Non mi perdo mai il concerto di capodanno, è sempre uguale eppure sempre diverso.
    Bravo Georges Pretre.
    Ciao e buon anno :-)
    ops buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  4. Qui c'é solo da stare in religioso silenzio!

    RispondiElimina
  5. Shani mi mette sempre gioia e allegria! Ma non conoscevo tutte queste informazioni! Grazie

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven