domenica 16 ottobre 2011

PIEMONTEIS , PARLE' PIEMONTEIS !


Cari lettori, cercando in rete canzoni nel dialetto della mia Regione, mi sono imbattuto in una pagina di massime popolari che mi hanno fatto sorridere.
Il piemontese lo parlo abbastanza, ma scriverlo è tutt'altra cosa...per cui non mi sono mai cimentato.

Vi propongo questi proverbi con la relativa traduzione, sperando di far sorridere anche voi.

Buona domenica!

Le braje dj àutri a fan mal al daré 
I pantaloni altrui fan male al didietro

Mentre 'l can as grata la levr a scapa 
Mentre il cane si gratta la lepre scappa

A paghé com' a meuire a-i é sempe temp 
Per pagare come per morire c'è sempre tempo

La mòrt a ciapa tut, bel e brut 
La morte arraffa tutto, il bello e il brutto

A esse galantòm as diventa nen ësgnor
A essere galantuomo non si diventa ricchi

A costa 'd pì a esse cativ che a esse brav
Costa di più essere cattivo che essere bravo

Chi a dà e peui a pija,'l diav a lo pòrta via
Chi dà, e poi riprende, il diavolo se lo prende

An mancansa dij cavaj j'aso a tròto 
In mancanza di cavalli, trottano gli asini

A l'é mej n'amis che des parent 
Meglio un amico che dieci parenti

Chi d'amor as pija, 'd rabia as lassa 
Chi d'amore si prende, di rabbia si lascia

L'aj a l'é lë spessiàri dij paisan 
L'aglio è il farmacista dei contadini

Chërpa pansa pitòst che ròba avansa 
Scoppi anche il ventre,ma non si avanzi niente

Le busìe a son coma ij sòp: as conòsso da lontan 
Le bugie, come gli zoppi, si distinguono da lontano

A l'é bin avèj d'amis fin' a ca dël diav 
Conviene avere amici anche in casa del diavolo

A la sèira lion a la matin plandron 
Alla sera leoni, alla mattina pelandroni

Fà ch' it n' abie
Fa che ti basti

di Gipo Farassino, cantautore di casa, propongo "Piemontèis", canzone del 1985 che ha dato il titolo all'omonimo lp.

video

11 commenti:

  1. Buon giorno caro Leonardo...
    Meno male che c è un post che parla d'altro!!! e non solo della tragica manifestazione di Roma.
    Qui troviamo sempre cosa vuol dire la nostra vera civiltà.
    Buona domenica caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Sirio. Si, ho sorriso anch'io. Proverbi divertenti. Devo però dire che il piemontese è abbastanza difficile da capire se non sei del luogo. Non sarei riuscita a cogliere il significato se tu non avessi messo la traduzione.

    RispondiElimina
  3. Ieri ho deciso di pubblicare una poesia nella lingua di un paese vicino al mio Apricale, lo farò spesso perché ritengo il dialetto parte integrante della nostra cultura. Qui dalle mie parti ogni comune ha la propria parlata anche se tutti ci capiamo. Adoro ascoltarlo e non essendo nativa di qui, a volte mi diverto a parlarlo anche se un po' storpiato. Ciao Sirio, Roberta.

    RispondiElimina
  4. Quante verità!! Quella sul 'galantuomo' e sui 'cavalli', ad esempio, sono appunto verissime.

    Un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Ah, ah, sì, fan proprio ridere!

    RispondiElimina
  6. Gipo...me lo ricordo!
    Davvero difficile il piemontese: ho seguito la traduzione per quasi tutti questi "detti". Ci sono , nel dialetto modenese , pari-pari questi:
    "In mancanza di cavalli..." e " Per pagare come per morire...".

    RispondiElimina
  7. Mi viene da pensare alla forza espressiva di quelle frasi in dialetto, certo comprensibili con traduzione a seguire. Ma quella sensazione rimane intatta.

    RispondiElimina
  8. grazie per la traduzione... essendo pugliese avrei capito poco. apprezzo molto il dialetto e la cultura popolare.
    a presto.

    RispondiElimina
  9. Ciao Sirio, ottima scelta. Sinceramente me la cavo meglio in veneziano, ma ti assicuro che non avrei avuto bisogno delle traduzioni.
    I testi in piemontese erano abbastanza comprensibili.
    Ottima anche la canzone finale in dialetto ed eventualmente per l'italiano avresti potuto scegliere "Piemontesina bella". Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  10. il dialetto piemontese mi piace tanto, anche perchè riesco a capire parecchie parole...
    qualcuna di queste massime la diciamo anche noi.

    ancora una volta ti chiedo di aiutarmi: non riesco più a commentare da Gianna perchè quel "suo nome col cappuccio"...me lo impedisce...potrà fare qualcosa??? grazie,ciao e buona serata!!!

    RispondiElimina
  11. bellissimi questi proverbi che portano sempre allegria ciao Sirio buona serata

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven