mercoledì 26 ottobre 2011

LIGURIA SOTT'ACQUA


immagine di Monterosso, dal web

Cari lettori,  condivido con voi le terrificanti immagini trasmesse in  TV questa sera.
Mi sono rimaste impresse le parole di un  Sindaco  : "Monterosso non esiste più".

Le Cinque Terre: Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore.
Un patrimonio che tutto il mondo ci invidia per l'incomparabile  bellezza, e che ho avuto la fortuna di visitare.
 Questo territorio è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanita' nel 1997 con la seguente motivazione :
"La regione costiera ligure nella zona delle Cinque Terre costituisce un patrimonio di alto valore paesaggistico e culturale. La disposizione e la conformazione dei piccoli paesi e dei terrazzamenti sulle colline che li circondano, costruiti sormontando le difficoltà di ripidi e scoscesi terreni, racchiude chiaramente in se la storia e la cultura degli insediamenti di questa regione nel corso di un millennio."

Purtroppo ci sono anche delle vittime, per loro una preghiera e tutta la mia solidarietà alle loro famiglie.


11 commenti:

  1. Ciao sirio condivido le tue parole,
    mi asocio alla tua preghiera,e piena solidarietà per tutte le persone colpite dall'alluvione, buona notte.

    RispondiElimina
  2. La morte dei pini, l'abbandono di vigne e terrazzamenti. l'anno scorso ho percorso i sentieri alti, sentieri ostruiti dai pini marci caduti,la pendenza e l'abbandono hanno fatto arrivare insieme all'acqua nei paesi un pò di tutto.
    Si abbandona le 5 terre figuriamoci il resto.

    RispondiElimina
  3. uan cosa sconvolgente spero che sia dovuta a una piogga di grande entità perchè non vorrei che accadesse spesso per incuria del territorio

    RispondiElimina
  4. Alluvioni, frane, allagamenti, succedono in ogni parte del mondo. Da noi ogni anno ettari di bosco vanno in fumo, non si controllano fiumi e scarichi cittadini. In queste condizioni ovvio che poi succedono i disastri. Forse se il territorio fosse più monitorato succederebbero meno guai. Il personale del Corpo forestale ammonta a circa 8.500 unità (dati letti ora nel loro sito) sono pochi? Se non bastano assumetene altri, riparare i danni costa molto di più e sopratutto la vita delle persone non ha prezzo.

    RispondiElimina
  5. La mia Calabria è sempre stata colpita dalle alluvioni , sono solidale con la popolazione e mi associo nella preghiera per le vittime.

    RispondiElimina
  6. Non ho parole per le molti vittime solo cordoglio e preghiere per loro, troppe volte la natura si ribella all'uomo speriamo che presto ritorni alla normalità quell'angolo di paradiso che tanti turisti visitano.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Che pena infinita. Conosco bene quei posti, li adoro... immaginarli così, travolti dal dolore, è terribile.

    RispondiElimina
  8. Da troppi anni son tragedie annunciate. La saggezza di Maresco è quella che andrebbe ascoltata da chi di dovere.

    RispondiElimina
  9. Troppo spesso accadono questi disastri, queste tragedie in Italia, c'é qualcosa che non va. Al di là dell'alluvione (in questo caso) stessa.

    RispondiElimina
  10. Immane tragedia. Per le Cinque Terre si dice che la causa risieda nelle terrazze abbandonate da tempo.

    RispondiElimina
  11. Il mio primo commento su questo post è stato bloccato e ci riprovo. E' una tragedia e ce l'ho a morte con le TV francesi che gli hanno dedicato solo 30 secondi. Lo stesso tempo del sorrisetto Sarkozy-Merkel su Berlusconi. Ho già chiesto a Robbyroby di dirmi come posso fare per aiutare finanziariamente (purtroppo non posso spostarmi per portare un aiuto materiale), ma senza che i soldi finiscano in tasche inappropriate. Pensa che con mia moglie avevamo deciso di andare alle Cinque Terre, per farle a piedi, l'anno prossimo. Vorrei andarci ugualmente perché sarebbe un aiuto per la popolazione. Buon fine settimana.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven