sabato 29 ottobre 2011

LA PRIMA "CASA A TEMPO " D' ITALIA


La facciata del nuovo albergo sociale, ex palazzo delle poste, inaugurata in via Ivrea 24 a Torino
Un "albergo" da diecimila metri quadrati con 122 unità residenziali e 58 camere destinati a famiglie, studenti, stranieri che non hanno diritto all'edilizia popolare.

Cari lettori, sono andato avederla di persona questa avveniristica idea.  Un investimento di 14,5 milioni di euro, finanziato al 90% dalla Fondazione Crt, che ha sostenuto il lavoro di Oltre Venture, Città di Torino, cooperativa Doc e Impresa Rosso che ha eseguito la ristrutturazione dell'edificio.

Situata a due passi  dallo stabilimento IVECO di lungo Stura Lazio, rappresenta indubbiamente un'innovazione.

Buon fine settimana!

7 commenti:

  1. Questo scatto è veramente suggestivo, la foto è perfetta.
    Caro Leonardo un gran complesso sicuramente molto utile hai tanti studenti, e pure per quelli che visitano Torino li troveranno sicuramente una camera per la loro permanenza.
    Buon fine settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Sirio finalmente una bella notizia, dove tutto funzina male,
    e bello vedere che si costruiscano, delle opere così belle e utili, buona domenica.

    RispondiElimina
  3. Ciao Sirio, ottima iniziativa indubbiamente, ma vorrei saperne di più su come funziona. Hai un indirizzo internet dove poter collegarsi? Vorrei però anche sapere perché Tomaso continua a chiamarti Leonardo.
    Un buon fine settimana.

    RispondiElimina
  4. Mi sembra un'ottima notizia dal punto di vista sociale.

    RispondiElimina
  5. Un'opera buona, giusto? Finalmente!! Da prendere come esempio per le altre regioni, città d'Italia.

    Buona domenica Sirio

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven