mercoledì 21 settembre 2011

TERESINA TUA, L'ANGELO DEL VIOLINO


Conoscevo questa illustre concittadina di fama, ma per un puro caso mi sono trovato a passare davanti alla sua casa natale, situata nel centro storico di Torino.
Con un gesto che ho apprezzato molto, il Comune ha posto una lapide commemorativa alla sua  memoria di fianco all'ingresso di quel palazzo. Eccolo!



Qui di seguito, qualche notizia storica.

Nata  a Torino il 24 aprile 1866, mostrò fin da piccola interesse per la musica. Il padre, di modeste origini, appassionato di musica e violinista dilettante, fu lungimirante e le pose un violino fra le braccia.

Da bambina Teresina iniziò a suonare all'età di soli sei anni davanti ai caffè di Torino, nelle piazze di Piemonte e Liguria, quindi in Svizzera e nella Francia del sud. Ben presto, grazie all'interessamento di un mecenate, iniziò studi regolari entrando nel 1877 al Conservatorio di Parigi dove nel 1880 consegui brillantemente il diploma con il massimo dei voti, ottenendo altresì il Gran Premio previsto da quella istituzione. Subito dopo iniziò una fulgida carriera concertistica che la porterà in ogni nazione europea, prima donna concertista in Russia ed in America. Fu in contatto coi musicisti e compositori illustri come Verdi, Wagner, Rachmaninov, Catalani, Boito, Joachim, Liszt, Brahms... Sposò il conte Franchi Verney della Valletta, musicologo e critico musicale a Torino.

La sua vita sembrava ormai scorrere su binari rettilinei verso vette sempre più luminose, ma il destino le fu avverso, con la tragedia per la perdita dei suoi figli gemelli.
Provata, Teresina registrò una battuta d'arresto, ma con la forza della volontà e della fede che mai l'abbandonò riprese l'attività interpretativa nel 1895 e poi nel 1898 effettuò due fortunate tournées in Russia, ammirata e osannata dal pubblico e dalla critica.

Nel 1911 restò vedova, ma due anni dopo andò sposa al conte Emilio Quadrio de Maria Pontaschielli, originario di Sondrio ove si trasferì diventando cittadina d'adozione della Valtellina.

Lasciata la carriera concertistica tenne la cattedra di violino e viola nel Conservatorio di Milano e poi all'Accademia di Santa Cecilia di Roma.

Il suicidio della madre, all'inizio della carriera, la perdita dei due mariti e dei due figli segnarono profondamente la sua esistenza. Forse per questo, al termine della sua vita, si fece suora rinunciando ad ogni bene materiale che diede in beneficienza.

Si ritirò a Roma nel Convento delle Suore dell'Adorazione Perpetua, assumendo il nome di Suor Maria di Gesù, lì visse dedita alla preghiera e alla vita contemplativa sino alla veneranda età di novant'annì, morì infatti il 28 ottobre 1956.

L'attenzione mostrata per l'insigne violinista è cresciuta notevolmente in questi ultimi anni. Già nel 1989 a Sondrio si è tenuto un concerto a lei dedicato, manifestazione di alto livello artistico che aveva destato interesse e curiosità. Nel 1990 s'è svolta una conferenza sulla Tua, riguardante in special modo la tecnica violinistica e il gruppo strumentale "Teresa Tua" si esibisce da allora per celebrare la figura di questa grande violinista.

Le notizie storiche riguardanti questa artista, le potete trovare nel libro di Anna Trombetta e Luca Bianchini "TERESINA TUA L'ANGELO DEL VIOLINO", editore Daniela Piazza

Il Teatro Regio di Torino ha esposto nel suo interno alcune vetrine contenenti svariati strumenti di notevole importanza storica.Una di queste è quella dedicata alla Tua ,  che contiene un violino antico con etichetta Antonio e Gerolamo Amati del 1667, un violino di Leandro Bisiach del 1900, un altro di Carlo Giuseppe Oddone del 1926 nonchè un  prestigioso archetto appartenuto a Kreutzer.
 Il  più  prezioso degli strumenti appartenuti alla Tua, lo Stradivari del 1709, è invece pervenuto attraverso il successivo lascito della sua amica Giulia Tommasini.

Il Conservatorio di Milano, da quest'anno mette in palio la Borsa di studio "Teresina Tua",  dedicata a strumentisti ad arco ed assegna un premio di Euro 4.000. Sono ammessi studenti dal VI al IX corso del Vecchio Ordinamento (per il contrabbasso dal IV al VI), del Livello Avanzato del Corso Preaccademico e del I e del II anno del Triennio del Nuovo Ordinamento.

Concludo lasciandovi in compagnia di Beethoven, con il suo concerto per violino e orchestra in re maggiore.
Buon ascolto!

8 commenti:

  1. Ciao Siro, passo per ringraziarti della costante attenzione che riservi ai miei post.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Grazie Sirio per questo articolo su una violinista che conoscevo solo di nome. E' stato un piacere leggere le tue note e guardare il video. Bravo.

    RispondiElimina
  3. Ciao Sirio non conoscevo TERESINA
    questa violinista tanto brava, e con una vita tanto intensa mi ha fatto piacere leggere la sua vita, anche la musica del filmato era bella Beethoven e sempre Beethoven
    buona serata

    Tiziano

    RispondiElimina
  4. Splendido Beethoven!
    Non sapevo nulla di questa violinista, un genio della musica, ma contemporaneamente una donna terribilmente provata dalla vita.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio, un gran talento poco conosciuto; che vita travagliata ha avuto!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Che splendore questo pezzo.
    Non sapevo nulla di questa violinista...una donna ..a quei tempi!!!!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven