venerdì 30 settembre 2011

PORTA PILA


Porta Palazzo (Pòrta Pila in piemontese) è un luogo di Torino collocato al confine tra quartieri di Aurora e Centro e che ha come suo fulcro la piazza della Repubblica. Attualmente ospita il mercato all'aperto più grande d'Europa.

 E' il mercato per antonomasia , con il folto gruppo di bancarelle che tutte le mattine occupa la metà della piazza
 Nato nel 1825 (prima il mercato centrale era in piazza Palazzo di Città), Porta Palazzo è oggi uno straordinario connubio tra tradizione, immigrazione italiana ed extracomunitaria, e futuro. Il sabato mattina e la seconda domenica del mese vi si tiene anche il Balon, il grande mercato delle pulci. Da vedere il padiglione coperto in metallo e vetro del 1916. (quello della fotografia iniziale)

Cari lettori, periodicamente anch'io mi reco in questo mercato,  che oltre ad essere indubbiamente conveniente dal punto di vista economico, è diventato anche un pratico esempio di integrazione.
Sia nel mercato coperto - quello detto "dell'orologio" - che in quello all'aperto, tra le bancarelle è un continuo alternarsi di ambulanti italiani ,  marocchini, cinesi, rumeni e non so quante altre nazionalità.

E' un mercato nel quale si trova di tutto, dai generi alimentari all'abbigliamento, dai prodotti etnici alle specialità più disparate.
Il tutto in un caleidoscopio che mette allegria, pur nella confusione degli inviti fatti ad alta voce per acquistare.

Non potevo concludere questa mia chiacchierata senza proporre qualche scatto.


piazza della Repubblica


nuovo mercato coperto


ex mercato del pesce


le bancarelle...al parcheggio


la galleria Umberto I

9 commenti:

  1. Porta Pila , quanti bei ricordi. Sono nato a circa 500 metri da Porta Palazzo. Conosco bene il luogo e da piccolo mi recavo spesso con i miei a fare la spesa.

    A quei tempi si comprava già molto bene, merce sempre fresca a buon prezzo. Vicino c'è il balon , dove trovavi di tutto. Bei tempi Amico,bei tempi.

    Bellissimi gli scatti, si vede che ci sai fare con la fotocamera.

    Ciao Sirio, Ti ringrazio per avermi rinfrescato vecchi graditi ricordi.
    Buon weekend.

    RispondiElimina
  2. Grazie caro Leonardo di questa carellata di foto Della bella città di Torino, io la conosco molto poco, solo quei giorni della grande adunata degli Alpini ma ahimè non ero in codizioni di poter tanto camminare, nuovamente grazie, amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Beh io ci vado ogni sabato per comperare la verdura dai contadini piemontesi...Poi andavo sotto la galleria umberto per il negozio di erboristeria che ho lasciato per andare in quella vicina alla Consolata (conosci?). Di fianco c'è un caffè dove si beve ancora il famoso bicerin...Ciao ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao Sirio e la prima volta che vedo certe foto di Torino in particolare porta palazzo belle comunque, e bella pure l'iniziativa del mercatino multi etnico

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio, sono ritornata tra voi in questi mesi di assenza ho seguito la mamma che è stata operata di un ematoma al cervello, che era la causa delle sue frequenti cadute, tutto si e risolto bene ed è la mamma di prima.
    bello il tuo reortage.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Grande reportage! Ti auguro una serena notte a presto.

    RispondiElimina
  7. Devo proprio tornare a Torino!!!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven