sabato 13 agosto 2011

L'OBELISCO DI PIAZZA SAVOIA A TORINO

post programmato



L'obelisco visto da via della Consolata

A vederlo così svettante con i suoi 21 metri e mezzo d'altezza, si è subito portati a pensare ad una stele Egizia.
Niente di più falso.
Questo monumento venne eretto per salutare l'abolizione del Foro ecclesiastico, in ricordo  delle leggi presentate dal conte Giuseppe Siccardi di Verzuolo, fautore delle suddette leggi.
La prima pietra venne posata nel 1852, e si diceva che sotto di essa fosse nascosto un tesoro.
In effetti, sotto di essa c'è una cassetta nella quale sono conservati alcuni giornali, tra i quali due numeri della Gazzetta del Popolo che contengono in sintesi il progetto del monumento, così come lo aveva disegnato Felice Govean, patriota e giornalista
Con i giornali, c'è anche una copia della Legge Siccardi. alcune monete dell'epoca, un sacchetto con semi di riso, un pacco di grissini, e una bottiglia di Barbera, prodotti genuini da affidare ai posteri, simboli del Piemonte.
L'obelisco è costruito in buon granito di Baveno (cittadina sul Lago Maggiore) . Fa bella mostra di sè la scritta " LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI " (ma è poi vero, n,d,r,?!?! )

Cari lettori, concludo con due curiosità . La piazza dove venne edificato questo monumento in origine si chiamava piazza Susina, dalla vicina Porta Susina ( oggi Porta Susa) , poi divenne piazza Savoia ma non in onore della dinastia reale, bensì per ricordare la Regione appena oltre le Alpi, oggi in territorio francese.

Poco più avanti di questa piazza - nella piazzetta del santuario della Consolata - c'è il più antico locale storico di Torino, il "Bicerin" che due secoli fa era frequentato da Cavour  e i governanti dell'epoca.
Un tuffo nel passato, il minuscolo locale conserva intatto lo stile Liberty del 1800.
Di questa "chicca" torinese ho già parlato tempo fa, in questo post.

Le notizie storiche che ho riportato sono tratte  da " racconti sul quadrilatero romano" di Renzo Rossotti

5 commenti:

  1. Ciao caro Leonardo, interessante ciò che stai dicendo, io lo ignoravo veramente.
    Buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. E' tanto bello sapere il perchè delle opere scultoree, mi rendo conto che siamo sempre poco informati sulla storia dei nostri monumenti, credo che un solido aiuto lo dovrebbero dare le amministrazioni comunali !!!!!

    RispondiElimina
  3. Sirio, grazie a te ho colmato una lacuna perché, come tanti altri, credevo cha la Piazza si chiamasse così in onore dei Savoia.
    Per quanto riguarda "la legge uguale per tutti" si potrebbe applicare la morale espressa da La Fontaine in una delle sue favole: Se voi sarete potenti o miserabili, i giudizi della Corte vi renderanno bianco o nero.
    Buon ferragosto.

    RispondiElimina
  4. Molto interessante! Un tema di cui non sapevo nulla, in verità.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio, che bello custodire il passato per offrirlo ai posteri!!!
    Felice e allegro Ferragosto a te e famiglia!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven