martedì 30 agosto 2011

IL FLAUTO D'ORO : SEVERINO GAZZELLONI


Severino Gazzelloni è stato definito dal New York Times uno dei più prestigiosi flautisti di tutti i tempi.
Nacque a Roccasecca il 5 gennaio 1919. Figlio di un sarto che suonava nella banda del paese, ha contribuito alla diffusione della musica contemporanea, senza mai trascurare un vastissimo repertorio classico, di cui è stato ineguagliabile interprete. La sua spiccata propensione verso il mondo della musica era ben manifesta fin da bambino poichè all'età di sei anni era già mezzo flauto delle bande di Taranto, Campobasso, Lanciano e Sora.
Nel1933 iniziò a frequentare il conservatorio di Roma dove concluse gli studi musicali con largo anticipo. Ben presto arrivarono le prime esecuzioni in radio e poi i concerti, salutati da una serie di successi che gli regalarono la celebrità.
 Rinnovare il ruolo di concertista, rimuovere lo stereotipo del musicista freddo e virtuoso, è stato uno dei suoi maggiori meriti e in virtù di tali pregi gli è stato attribuito l'appellativo di Flauto d'oro.
 In seguito ad una grave malattia, questo immenso talento si è spento il 22 novembre 1992 ed ora riposa nel cimitero di Roccasecca.

Parlando di se stesso, disse : « "E io ho soffiato, soffiato. D'improvviso dalla canna è uscito il suono, e insieme al suono anche il mio cuore che mi premeva in gola, spingeva, quasi mi soffocava, non capivo più niente. C'era solo quel suono che usciva dal flauto e contemporaneamente entrava dentro di me, s'infilava nel mio cervello, nelle ossa, nello stomaco. Quel suono era tutt'uno con me. Da allora è sempre stato così. Ogni volta che dal flauto mi escono le prime note, ritrovo l'emozione e lo stupore del mio fiato che diventa suono, io sono quel suono". »

Cari lettori, la stessa emozione la provo io  quando mi avvicino al mio strumento preferito che, come sapete, è l'organo.
Propongo all'ascolto un brano di Vivaldi, eseguito dal Maestro con rara perizia.
Buon ascolto!


11 commenti:

  1. Grande artista. Ha avvicinat alla musica un vasto pubblico.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante cara Leonardo, non ne avevo mai sentito parlare di questo prestigioso musicista grazie di avercelo comunicato.
    Bella questa musica si assapora divinamente anche ad occhi chiusi.
    Buona serata caro amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bell'omaggio Sirio ad un artista che ho sempre ammirato ed ascoltato con immenso piacere. Inoltre hai scelto una delle sue migliori interpretazioni. Buonanotte.

    RispondiElimina
  4. Ho avuto la fortuna di sentirlo dal vivo!

    RispondiElimina
  5. Ciao Sirio! Ci si vedrà anche questa volta? Al secondo raduno blogger a Milano?

    RispondiElimina
  6. E' sempre emozionante riascoltare il grande maestro Gazzelloni!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Sirio,
    complimenti per il tuo interessante e "dotto" blog.
    Un saluto sincero e a presto.

    RispondiElimina
  8. ascoltando il brano si sente la vita che c'è in quel soffiare! buona serata

    RispondiElimina
  9. Ciao Sirio, grazie per le informazioni e le emozioni in musica!
    p.s mi piacerebbe se potessi passare dal mio nuovo blog, sarebbe bello avere un tuo parere!
    Saluti
    Evelin

    RispondiElimina
  10. grazie per averci ricordato severino è delle mie parti ed uno dei pochi esempi positivi

    RispondiElimina
  11. E' stato un grande. Condivido quello che scrive Sandra, effettivamente ha avvicinato molti alla musica; domani vedrò il video.

    Buona serata

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven