venerdì 13 maggio 2011

RONDINI


Sono arrivate!
E' da un pò di tempo che osservo il loro volo caratteristico, fatto di traiettorie che cambiano ogni momento.
A volte sono altissime, piccoli punti bianche e neri che si stagliano contro il cielo carico di nuvole minacciose, come questa sera: altre volte sfiorano i tetti delle case (sembra) ad una velocità impressionante.
Non sono tantissime, ma per una città come Torino che non è certo un esempio per l' aria che si respira, è già un riscontro positivo.
Il fine settimana scorso è stato caratterizzato da due avvenimenti importanti: la partenza del Giro ciclistico d'Italia e l'adunata nazionale degli alpini.
Tra le innumerevoli canzoni di "marca alpina", ce n'è una nel cui testo si fa riferimento a questo bellissimo uccello e inizia così : "Gran Dio del cielo, se fossi una rondinella..."

Ve la propongo nell'interpretazione del Coro SAT , forse il più conosciuto - senz'altro il più anziano del nostro bel Paese, essendo nato ufficialmente a Trento il 25 maggio 1926.

Buon ascolto e buon fine settimana!

11 commenti:

  1. Oggi abbiamo avuto lo stesso pensiero...a me piacerebbe scattare loro una foto mentre volteggiano nel cielo, prima o poi ci riuscirò!
    Mi accontento di vederle da vicino.
    Ciao Sirio, buon fine settimana!!!
    Roberta

    RispondiElimina
  2. Che piacevole ascolto! io amo moltissimo i cori alpini ed ho avuto il piacere di ascoltare il coro SAT in diverse occasioni.

    RispondiElimina
  3. "Che per coda ha una forcella,
    che, se vola a bassa quota,
    piove in zona non remota,
    se son tante è primavera,
    se è da sola aspetta e spera!"

    Magistrale ed emozionante l'interpretazione del coro!!!!

    RispondiElimina
  4. Che bella idea fare una foto che rappresnta che la primavera la ha portata la rondine.
    Caro Sirio o se preferisci Leonardo
    non mi è ancora passata la gioia del nostro incontro a Torino.
    Un caro e forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Che belle le rondini! Abito in campagna, ma non ne vedo molte. In compenso sono aumentate le cince, che in inverno vengono sul davanzale a mangiare. Buona domenica

    RispondiElimina
  6. che bel post... Sirio un bacione

    RispondiElimina
  7. Non so. Abito anch'io in una grande città, Milano, in un palazzo che dà in un grande giardino. Davanti al mio terrazzo ci sono due magnifici pini. Intorno al giardino è pieno di piccioni - la disperazione di tutti gli abitanti perché sporcano ovunque - e ci sono due corvi. Non ho visto rondini, forse non ho osservato attentamente, ma ora lo farò. Devo dire però che la primavera scorsa ce n'era uno stormo immenso che volava altissimo sopra il palazzo.
    Ho ascoltato la canzone e, cantata dal coro, è bellissima.

    RispondiElimina
  8. Sempre piacevole ascoltare la SAT!

    Difficile fotografare le rondini, soprattutto se in volo.

    RispondiElimina
  9. Non so perché, ma l'arrivo delle rondini ci rende sempre felici... o quanto meno più allegri!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo coro!
    Di rondini, qui da me, non se ne vedono più. Ci sono tante gazze che ultimamente stanno facendo fuori tutti i merli bevendosi le uova dei nidi. Peccato , mi piacciono tanto i merli. Fino a un paio di anni fa avevo un nido proprio sotto la tettoia e quando i piccoli uscivano dal nido dovevo tenere in casa i gatti finchè non prendevano il volo.

    RispondiElimina
  11. Sono arrivate anche da me! in un giorno hanno ricostruito il nido.ora saranno alle prese per costruire la nuova covata.Verso sera è un delirio di voli,di virate di girotondi..
    Sto cercando di fotografarli ,in volo..
    Ciao Si
    rtio.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven