giovedì 2 settembre 2010

IL CANOTTAGGIO A TORINO


Cari amici, oggi desidero presentarvi un'attività sia sportiva che amatoriale, che a Torino ha origini molto antiche.
Si tratta del canottaggio, uno sport che sulle rive del Po ha visto nascere e svilupparsi alcune prestigiose Società fin da secolo scorso.
Faccio un breve riassunto storico della più antica, la "Cerea".

La Reale Società Canottieri Cerea è tra le più antiche società di canottaggio italiane, fondata a Torino nel 1863. È stata co-fondatrice nel 1888, sempre a Torino, della Federazione Italiana di Canottaggio (FIC) e, successivamente, ancora a Torino, il 25 giugno 1892, della Fédération Internationale des Sociétés d’Aviron (FISA).

Il nome “Cerea” deriva dall’espressione dialettale torinese di saluto, solitamente utilizzata dai barcaioli e appassionati di voga, quando si incrociavano sul fiume Po.
L’attuale sede è ospitata nello stesso e caratteristico “chalet” che fu costruito 140 anni fa in sostituzione della tettoia del barcaiolo di Casa Reale, e si trova sulla sponda sinistra orografica del fiume , circa all’altezza del Castello del Valentino.
La storica sede è stata, nel 2007, visitabile liberamente nella giornata che il F.A.I. (Fondo per l’Ambiente Italiano) organizza annualmente con l’apertura di oltre 500 monumenti al pubblico. Nel 2009 lo “chalet” è stato interessato da un completo ed accurato restauro, sia esterno che interno che ha riproposto le coloriture e i decori originali persi nel tempo.

Particolarità della società, per mantenere lo spirito dello Statuto Societario originale, ispirato a valori e costumi sociali tipici dell’ottocento è l’utilizzare l’informale “ciao” come saluto tra soci sia giovani che anziani.

I colori sociali sono il celeste ed il bianco, alternati in bande orizzontali. Al centro del petto della divisa da gara (body), è presente una stella gialla, rappresentante l’onorificenza della “Stella d’Oro al Merito Sportivo”.

Nel 2008 la Cerea è stata insignita del “Collare d’Oro al Merito Sportivo”, massima onorificenza per le società sportive ultracentenarie già premiate con la Stella d’Oro
Anche quest’anno al termine dell’anno scolastico la Canottieri Cerea organizzerà per i suoi iscritti ma anche per gli esterni le “SETTIMANE SPORTIVE”. Si tratta di un periodo di quattro settimane posto fra la fine dell’anno scolastico e la partenza per le vacanze. E’ possibile scegliere il numero di settimane che si desidera.

Non meno intraprendenti e attive, ci sono altre Società oltre quella che ho appena citato e che svolgono attività simili.
Ecco i loro nomi:
il Circolo Amici del Fiume;
La Società Canottieri Esperia;
Il Circolo Eridano.

Passeggiando lungo le sponde del Po, tante volte mi sono ritrovato a pensare al "grande fiume" di cui scrisse Giovannino Guareschi nel sul "Mondo piccolo", libro portato alla ribalta cinematografica da quella coppia inimitabile che furono Gino Cervi e Fernandel, nella fortunata serie di "don Camillo".


davanti al borgo medievale

canoa !

sorpasso...

armo "quattro senza"

doppio e singolo


16 commenti:

  1. Un bellissimo reportage, complimenti Sirio !

    Cri

    RispondiElimina
  2. mi sembra di vederle scivolare nell'acqua, è sempre un bel vedere... buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Bello questo sport!E ottimo racconto.
    Ricordo di essermi divertita un mondo in canoa :)

    Mi piace anche la citazione a Guareschi e ai film con Cervi e Fernandel.Io li adoro e conosco le battute a memoria!!! Che grandissimi attori...Prima o poi andrò a Brescello.Purtroppo non sono ancora mai riuscita.

    P.S.Sirio, come fai and imprimere il nome sulle foto?

    RispondiElimina
  4. Grazie Carla, buona serata e buona fine settimana!
    A presto.

    RispondiElimina
  5. Cri sei sempre gentilissima, grazie!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. Raggio, la vicinanza dell'acqua "crea l'atmosfera", come diceva una vecchia pubblicità...e in riva al fiume i rumori della città svaniscono.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  7. Ciao Spes, sul Po navigano anche due battelli turistici, che in particolare nel fine settimana vengono letteralmente presi d'assalto. Il viaggio dura circa un'ora, è rilassantissimo...
    Neanch'io ho avuto la fortuna di visitare Brescello, chi ci è stato mi ha detto che è rimasta quasi come al tempo dei film...che bello!!
    Per mettere il nome sulle foto utilizzo Picasa3 di Google.Permette di scrivere sulle foto e non solo!

    Buona serata.

    RispondiElimina
  8. Ciao Sirio, non prendermi per pazza, ma leggendo questo tuo pezzo mi sono calata nel 1863 un epoca in cui anche dare il nome ad una società aveva un senso, quello di rispetto e accoglienza verso l'altro "Cerea" una parola che racchiude tutto. Lo trovo bellissimo! Trovo bellissime anche le foto che mi hanno fatto venire la voglia di salire su una canoa.

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Ciao Sirio, belle le tue foto.
    ti auguro buon weekend

    RispondiElimina
  10. Sciarada, "cerea" è un saluto che ci si scambia fra torinesi in risposta al "bundì" (buongiorno...ed è ancora molto attuale, per chi cerca di mantenere vivo il dialetto di questa città.
    Grazie per i complimenti alle foto, un caro saluto!

    RispondiElimina
  11. Grazie Pierangela, sei gentile.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  12. proprio non avevo idea del canottaggio e l'origine del cerea

    RispondiElimina
  13. Sport bellissimo. Io l'ho praticato un pò sul mare (non è la stessa cosa purtroppo!!).

    RispondiElimina
  14. Che belle foto! Sono di Torino anche io, e certi posti che hai fotografato sembrano addirittura più belli che dal vivo!

    RispondiElimina
  15. Ciao MadiS, sei la benvenuta!
    Grazie per il commento, abbiamo una città molto bella e un fiume che ne racconta la storia.
    A presto!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven