domenica 29 agosto 2010

VENARIA CHE CAMBIA - IL PONTE CASTELLAMONTE




il ponte Castellamonte, sul Ceronda

Cari lettori, oggi ho saputo che il 14 luglio scorso è stato firmato tra Regione Piemonte, Comune di Venaria e Consorzio "La Venaria Reale" nella splendida cornice della Reggia, il protocollo d’intesa grazie al quale sarà realizzato, oltre ai raccordi stradali e ai parcheggi a nord e a sud della Reggia, il nuovo ponte sul torrente Ceronda.
I visitatori della Reggia, attualmente percorrono il ponte Castellamonte proveniendo dalla provinciale 1, più conosciuta come la "direttissima" per le valli di Lanzo.
Sebbene pregevole da un punto di vista architettonico, il ponte risulta strutturalmente inadeguato. Per realizzare i lavori sarà necessario demolirlo e sostituirlo con una struttura provvisoria in attesa della realizzazione del nuovo attraversamento, che verrà edificato più a monte dell'attuale.
Il futuro ponte sarà in cemento armato, avrà due corsie da tre metri e mezzo con banchine larghe oltre un metro e sarà completato da due marciapiedi ciclo-pedonali di tre metri ciascuno.

Il materiale del “vecchio Castellamonte”, una volta smantellato, verrà riutilizzato per il rifacimento estetico della passerella Mazzini localizzata più a valle a ridosso del centro storico di Venaria. Insieme alla costruzione dell’opera è prevista la messa in sicurezza dell’alveo del Ceronda, onde scongiurare nuovi ed eventuali futuri allagamenti .

Sono scelte giuste? Per i parcheggi certamente sì, con il notevole afflusso di turisti la Città è carente, sotto questo punto di vista.
Resta comunque il fatto che il nuovo ponte non potrà competere per bellezza con quello esistente oggi...
Qui sotto, qualche immagine recente.




19 commenti:

  1. E un vero peccato abbattere questo bellissimo ponte, come già successo da altre parti potrebbero lasciarlo intatto per il passaggio ciclopedonale e costruirne uno solo per il passaggio di auto e moto.
    Chissà che magari questa soluzione non sia neppure stata presa in considerazione. Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  2. Ho visitato la reggia di Venaria...sicneramente non mi ricordo di questo ponte, ma io penso che tutto ciò che si abbatte di "antico" per far posto a strutture più moderne, sia un sacrilegio...

    RispondiElimina
  3. Un vero peccato, sono d'accordo con le amiche che mi hanno preceduta.

    Un caro saluto
    Cri

    RispondiElimina
  4. Si potrebbe lasciare il manufatto storico,molto bello,ed usarlo per pedoni e pista ciclabile.Il nuovo potrebbe servire slo per iltreffico automobilistico,quindi più snello e meno invasivo,perchè si tratterà comunque di cemento.
    Servirebbe in questo caso anche il contributo di condivisione dei cittadini e per Veraria è stato fatto molto e bene,mi pare.
    Ciao,Sirio

    RispondiElimina
  5. Peccato perchè è veramente molto caratteristico!

    RispondiElimina
  6. Un vero peccato;una soluzione come suggerito da altri sarebbe ristrutturarlo e renderlo solo pedonale.Buona giornata a presto

    RispondiElimina
  7. Viviana, la tua è un'idea molto buona e da portare avanti.
    Pure io la vedo allo stesso modo, e mi auguro proprio di essere in buona compagnia!
    Vedremo, adesso le vacanze sono finite per tutti...

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  8. Carla, mi fa piacere che tu sia venuta a visitare la Reggia.
    Ho sentito che tra poco si potrà farne la visita virtuale, parola di Google Italia.
    Condivido, un ponte che risale al 1878 non si deve abbattere!

    Un caro saluto, a presto.

    RispondiElimina
  9. E' vero Cri, tutto ciò che è storico deve rimanere, anzi, salvaguardato.

    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  10. Chicchina, sarebbe la decisione più saggia anche prevedendo i nuovi parcheggi a ridosso della Reggia.
    Penso che i Venariesi come me non vedano di buon occhio questa demolizione.

    RispondiElimina
  11. Ciao Ty, ce n'era un altro simile a questo sulla Stura, appena oltre la cofluenza del Ceronda: Se l'è portato via una piena spaventosa negli anni 60, non è mai stato ricostruito. Questo, invece, viene fatto ex-novo perchè c'è la Reggia da visitare...!!

    RispondiElimina
  12. Cavaliere, per fortuna è stato solo firmato il protocollo d'intesa.
    Per l'attuazione, come in tutte le cose pubbliche, ci vorrà del tempo per cui le cose potrebbero ( e dovrebbero) cambiare.
    Speriamo!

    RispondiElimina
  13. Che tristezza caro Sirio, mi auguro che non sia una questione esclusivamente economica, perchè il non pensare a salvaguardare questo ponte dalla distruzione e annientare la bellezza per un'opera moderna mastodontica mi sembra veramente assurdo e invasivo nei confronti della natura che circonda questo posto.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  14. Possibile che non esista o meglio che non si prenda in considerazione un'alternativa alla demolizione come suggerisce giustamente Viviana?

    Un caro saluto

    RispondiElimina
  15. Lo spero fortemente anch'io Sciarada, tanto più che questo ponte non dà l'accesso a piazza della Repubblica, cioè l'ingresso alla Reggia. Purtroppo il "miraggio" del denaro è sempre forte.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  16. Ciao Romano, bentornato!
    Io spero tanto che i cittadini Venariesi si oppongano a questa demolizione, e per quanto posso contribuirò anch'io, pur non essendo più residente.
    Un caro saluto, a presto!

    RispondiElimina
  17. non è possibile tanto scempio, certamente il ponte rimarrà!!! ce lo auguriamo tutti...

    RispondiElimina
  18. Cara Raggio, in effetti mi sono stupito alquanto vedendo il Consorzio della Venaria Reale tra i firmatari...proprio loro che sono i "depositari" di tutto quanto attiene al restauro e alla conservazione...E' tutto detto!!

    Un caro saluto, buona serata.

    RispondiElimina
  19. uno delle meraviglie del canottaggio e poter spiar da un altro punto di vista particolari e bellezze...mi spiace per questa decisione..mi siace per questa ostinazione a rovinarre...un abbraccio

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven