sabato 3 luglio 2010

QUESTO CALDO, CALDO, CALDO . . .

immagine trovata in rete

Ve lo ricordate Gianni Pettenati ?
E' l'indimenticato interprete di "Bandiera gialla", la canzone che lo rese famoso nel '66 restando per molto tempo in testa alla Hit Parade italiana, un brano che ancora oggi si ascolta molto volentieri.
Successivamente, nel 1969, incise questa canzone che ben si adatta al caldo afoso che in questi giorni, oggi e domani in particolare, la sta facendo da padrone.

Auguro a tutti una buona fine settimana, possibilmente non troppo calda,calda, calda....!!

14 commenti:

  1. Caro Sirio, con questa canzone mi hai riportato indietro nel tempo, quando ero bambina....che bei ricordi !

    Un abbraccio grande
    Cri

    RispondiElimina
  2. Buon giorno Sirio, io nascevo in quegli anni che penso fossero bellissimi per la musica Italiana, canzoni belle, semplici e non spacca timpani come oggi. L'ho ascoltata con molto piacere e mi e piaciuta tanto. Ieri sera qui da me c'erano 26 gradi e l'afa era pesante, ho optato per una mossa di pura sopravvivenza portandomi un materasso in taverna dove dormire al fresco. Credo che quel materasso rimarrà li a lungo.
    Buon fine settimana, Mao

    RispondiElimina
  3. Buon pomeriggio Cri!
    Il bello di quella musica e di quei testi è che acchiappavano subito...e anche noi eravamo diversi, si aspettava l'estate perchè uscivano i dischi nuovi, quelli che ci avrebbero accompagnato per tutta la stagione. In alcuni casi sono ancora evergreen!

    RispondiElimina
  4. Ciao Mao,in effetti erano melodie che si ascoltavano volentieri, non c'era bisogno di alzare il volume...
    Oggi vedo passare automobili che sono discoteche mobili, mi chiedo come si possa essere concentrati a attenti a come si guida!
    Ottima la scelta della taverna,essere indipendenti sotto questo aspetto è il massimo, qui siamo intorno ai 30, con un'umidità pazzesca.
    Ciao, salutoni.

    RispondiElimina
  5. Bella questa canzone di Gianni Pettenati, non l'avevo mai sentita,
    ti ringrazio che la hai condivisa con tutti noi.
    Un caro saluto e un buon fine settimana anche a te,
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Ciao Tomaso, un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  7. che bei tempi! un tuffo nei ricordi in un'estate da adolescente, piena di sogni e di prime cotte!!!

    RispondiElimina
  8. sono tornata per riascoltare questo brano che non sentivo da tanto e che "allora" mi piaceva immensamente. ancora un ciao!

    RispondiElimina
  9. Pierangela, buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  10. Ciao Raggio, quelle erano canzoni con un impatto immediato!
    O piacevano subito o...niente da fare.
    Erano anni belli, facevo parte di un complessino (allora erano tanti)ci divertivamo e facevamo divertire.
    Niente discoteca rompi-timpani, mentre si suonava la gente riusciva anche a parlarsi...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  11. Veramente un caldo infernale.La notte poi diventa un incubo riposare.Ti auguro una buona giornata,saluti a presto

    RispondiElimina
  12. un gianni pettenati fa sempre bene :-))

    RispondiElimina
  13. Bandiera gialla,quanti ricordi dietro una canzone...e quanti anni mi separano dalla stessa.Però ricordare è sempre piacevole,in fondo mi piace immaginare di vivere ,con i ricordi di ieri costruendo i sogni per domani.Ciao,Sirio

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven