lunedì 26 luglio 2010

LA FONTANA DEL FREJUS

piazza Statuto - fontana del Frejus

In questo fine settimana Torino è stata una città vivibile.
Passati per ora il gran caldo e l'umidità, ne ho approfittato per fare una delle mie solite camminate mattutine, quando il sole è sopportabile ma soprattutto in assenza di traffico.

In piazza Statuto c'è una fontana particolare. Ricorda un'opera di ingegneria, quasi una scommessa per i tempi in cui venne realizzata: il traforo ferroviario del Frejus, che mette in comunicazione l'italiana Bardonecchia con la francese Modane.

Un pò di storia.

La Fontana del Frejus di Piazza Statuto fu ideata dal conte Marcello Panissera per ricordare l'inaugurazione dell’omonimo traforo, un monumento in pietra nera che ricorda le vittime sul lavoro per la costruzione del traforo del Frejus.

E' un'opera collegiale dovuta al genio e alla bravura di più menti: il conte Marcello Panissera di Veglio, presidente dell'Accademia Albertina, che lo ideò; lo scultore Luigi Belli, che disegnò i modelli statuari; gli allievi della Scuola Albertina, che eseguirono l'opera e lo scultore Odoardo Tabacchi, che fu l'autore del "Genio Alato" o "Genio della Scienza".
Le figure scolpite nel marmo rappresentano un gruppo di Titani, sovrastati dal Genio alato simbolo del potere intellettuale. Venne inaugurata nel 1879.

Secondo la tradizione magica torinese, oltre a nascondere la porta d'accesso agli inferi, essa mostra un personaggio alquanto particolare. Si tratta dell’angelo che sovrasta il monumento e che sul capo porta una stella. Ad osservare attentamente ogni suo tratto, egli è talmente avvincente da proporre una natura malevola: in alcuni testi si legge che l’essere alato in questione sarebbe la rappresentazione di Lucifero, l’angelo più bello secondo la tradizione biblica.

Torino è anche conosciuta come città "magica", esoterica : io però vado alla ricerca delle opere, dei palazzi e dei monumenti che mi colpiscono maggiormente e che , se vogliamo, ne scrivono la storia...

7 commenti:

  1. una fontana molto leggera nella sua architettura, pur essendo in blocchi di pietra. sembra debba cadere da un momemto all'altro... buona settimana!

    RispondiElimina
  2. Lucifero e inferi a parte, è proprio bella! immagino dal vero cosa sia..è bello che tu ci mostri le bellezze di Torino con relativa storia..interessante!
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  3. Un'opera davvero bella, interessante la descrizione che ci hai proposto.
    Ti auguro una buona serata e molte belle passeggiate mattutine in questa magnifica città.

    Cri

    RispondiElimina
  4. Ciao Raggio, non potrebbe darsi che ci siano forze "arcane" che la proteggono?
    O magari sono quei poveri titani sempre sotto sforzo...
    Scherzo naturalmente, grazie del commento e buona serata!

    RispondiElimina
  5. Cara Paola, d'accordissimo con te!
    Chi vuole veder altro in questa fontana, come in altri monumenti torinesi, faccia pure...
    Ciao, buona serata!

    RispondiElimina
  6. Grazie Cri, sono un convinto assertore che nelle nostre belle città italiane ci sono tesori che non conosciamo, e che aspettano solo di essere trovati e apprezzati.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  7. Il famoso triangolo magico della magia bianca insieme a Lione e Praga e della magia nera insieme a Londra e San Francisco.Certo visitando Torino,veramente è una città piena di misteri e tutta da scoprire.ti auguro un buon inizio di settimana,saluti a presto

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven