mercoledì 5 maggio 2010

LA STREGLIO

foto da "La Stampa"

E' di ieri 4 maggio la notizia del fallimento di un simbolo dell'industria dolciaria piemontese; La STREGLIO, un marchio prestigioso del cioccolato che esce di scena dopo 80 anni di onorata attività.

L'azienda venne fondata da Pietro Arturo Streglio nel 1924, un torinese che da operaio presso la Talmone (altro marchio storico) imparò l'arte e la trasferì nello stabilimento di via Caprie , in borgo san Donato a Torino.

Ora si deve ricominciare da capo. Purtroppo l'azienda, una delle poche rimaste a tostare ancora il cacao in proprio, produceva prodotti di buona qualità, compresi i gianduiotti ancora realizzati con l'antica tecnica dell' "estrusione".
E' un peccato che un marchio così importante si spenga, c'è da sperare che qualche imprenditore torinese si rimbocchi le maniche.
Come tutti i golosi, torinesi e non, mi auguro di non doverne parlare soltanto al passato!

12 commenti:

  1. Certo che certe notizie sono veramente preoccupanti per i lavoratori...
    Buona serata caro Sirio

    RispondiElimina
  2. è davvero un pacchetto quando finisco questi pezzetti di storia e della nostra vita....rimane sempr eun po' di malinconia!

    RispondiElimina
  3. Ricordo benissimo questa marca di cioccolato e mi dispiace tantissimo di aver appreso questa notizia.Speriamo che qualcuno possa risolvere il problema e permettere alla ditta di continuare la produzione e ridare lavoro .

    Ciao Sirio,

    Cri

    RispondiElimina
  4. Caro Tomaso, quando sento dire "stiamo uscendo dalla crisi" non ci credevo prima, ancora di meno adesso...!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lo, veramente non pensavo che anche questo settore sarebbe stato coinvolto dalla stato attuale delle cose.
    Purtroppo si è avverato!
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  6. Cristina, il tuo è un augurio che anch'io faccio di tutto cuore , specialmente ai nostri giovani che cercano di entrare nel mondo del lavoro.
    Un caro saluto, a presto!

    RispondiElimina
  7. La ricordo anch'io la Streglio,pochi giorni fa ho visto anche i suoi cioccolatini.Speriamo che qualcuno si faccia avanti,infatti tempo fa parlavo nel mio blog proprio di questo marchi storici mai un ora di cassa ,chiusi dopo tanti anni di attività.Ti auguro una buona serata,saluti a presto

    RispondiElimina
  8. Ricordo le caramelle nel cofanetto che mi regalavano i miei bambini...

    RispondiElimina
  9. è uno stillicidio continuo di notizie di questo genere, ultimamente!

    RispondiElimina
  10. Cavaliere, credo che di questi tempi le aziende medio-piccole sono penalizzate più delle grandi, e questa è un'ingiustizia bella e buona.
    Purtroppo è la realtà!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Ciao stellina, quei bauletti erano una prerogativa di quell'azienda...speriamo veramente che non ne resti solamente il ricordo!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  12. Alfa, purtroppo sono concorde.
    Ho in mente la Bialetti...chi l'avrebbe mai detto?
    Un caro saluto.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven