lunedì 24 maggio 2010

LA CANZONE DEL GRAPPA

una veduta del monte Grappa

Cari lettori, come la più celebre "Canzone del Piave" anche questo canto patriottico porta in primo piano l'eroico comportamento dei nostri soldati alla fine della prima guerra mondiale.
IL monte Grappa fu testimone prima della resistenza, e poi della riscossa della IV Armata, che ributtò indietro gli Austriaci.
Si dice che il loro comandante, il generale Giardino, incitò "i suoi soldatini" come usava chiamarli,
alla riscossa cantando appunto questa canzone.

Riporto qui di seguito un breve articolo che ho trovato in rete.

Nel 1918, fra i nostri soldati in armi fiorì una gentile leggenda. Si diceva che la popolazione della Val Cismon, occupata dagli austriaci, cantasse sottovoce un bellissimo inno patriottico, in un anelito di liberazione. In realtà mani misteriose avevano scritto sui muri delle case: "Monte Grappa, tu sei la mia patria" e a questo primo verso si ispirò il generale Emilio De Bono per stendere gli endecasillabi dell'inno nazionale, che fu musicato dall'allora capitano Antonio Meneghetti, nativo di Ancona, ora colonnello a riposo a Brescia.

Tratto da: FAMIGLIA CRISTIANA N°44- 3 novembre 1963 -ANNO XXXIII

di Myriam Costa

La Canzone del Grappa

Monte Grappa tu sei la mia patria,
sovra a te il nostro sole risplende,
a te mira chi spera ed attende
i fratelli che a guardia vi stan.
Contra a te già s'infranse il nemico,
che all'Italia tendeva lo sguardo:
non si passa un cotal baluardo
affidato ad italici cuor.
Monte Grappa tu sei la mia patria,
sei la stella che addita il cammino,
sei la gloria, il volere, il destino,
che all'Italia ci fa ritornar.
Le tue cime fur sempre vietate
per il piè dell'odiato straniero
dei tuoi fianchi egli ignora il sentiero
che pugnando più volte tentò.
Qual la candida neve che al verno
ti ricopre di splendido ammanto,
tu sei puro ed invitto col vanto
che il nemico non lasci passar.
Monte Grappa tu sei .....(...........)
O montagna per noi tu sei sacra
giù di lì scenderanno le schiere
che irrompenti a spiegate bandiere
l'invasione dovranno scacciar.

Ho riportato il testo in quanto l'interpretazione della S.A.T. è stata armonizzata come se questo prestigioso coro fosse...una fanfara Alpina!


8 commenti:

  1. ma che bravi! sembra proprio una banda! l'ascolto di questo brano, mi ha aperto il cuore!
    buona settimana, ciao.

    RispondiElimina
  2. E' sempre un'emozione sentire e ricordare la nostra storia attraverso la musica. Grazie per questo post, caro Sirio.
    Grazie anche per il tuo commento alle mie foto, sei gentilissimo.

    Un abbraccio
    Cri

    RispondiElimina
  3. Sempre entusiasmante questa elaborazione del coro della SAT!

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene a ricordare...

    RispondiElimina
  5. Ciao Raggio,per me è un piacere quando riesco a trasmettere emozioni tramite la musica.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  6. Cristina, la musica ha segnato momenti importanti anche nella mia vita.
    Ricordare i momenti storici tramite quest'arte mi sembra oltretuttop doveroso, per ricordare con rispetto quelle persone.
    Le tue fotografie mi hanno acchiappato subito, hanno un impatto emotivo immediato!
    Continua...
    Ciao, ricambio l'abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Caro Sergio, parlare della S.A.T. per i cori è come parlare della nostra orchestra sinfonica Nazionale per la musica classica...entrambi al "top" !

    Buona serata, a presto.

    RispondiElimina
  8. Ciao stellina, mantenere vivo il ricordo di quel tempo è alimentare i valori per cui quelle persone combatterono.
    Anche la musica ha la sua parte, non a caso tutti i più bei canti di montagna e degli Alpini sono nati in quel periodo.
    Buona serata, un bacione.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven