lunedì 10 maggio 2010

CHOPIN , IL POETA DEL PIANOFORTE

Il pianoforte di Chopin a Parigi

"Giù il cappello signori, ecco un genio" !
Così Robert Schumann presentò Chopin ai suoi lettori in un articolo del 1831 sulla rivista Allgemeine Musikalische Zeitung, dopo aver letto la partitura Chopiniana delle Variazioni sul tema "Là ci darem la mano" dal Don Giovanni di Mozart.

A duecento anni dalla nascita, le emozioni che questo pianista e compositore seppe trasmettere, sono ancora tutte attualissime e di grande fascino.
Durante la sua breve vita (morì a soli 39 anni) fu Parigi la città in cui il suo genio si manifestò integralmente: i suoi modi di fare lo resero il prediletto dell'alta società parigina, inoltre la sua tecnica pianistica si dimostrava molto più adatta ai salotti privati che alle grandi sale da concerto.
La presenza nella capitale d'oltralpe di uomini come Liszt, Rossini, Cherubini e Berlioz erano per lui uno stimolo, mentre le grandi masse lo paralizzavano.

I valzer, le mazurke, i famosissimi notturni e le travolgenti polacche sono altrettante pennellate di colore su una tastiera monocromatica, bianco, nero e basta.

Tra i più grandi interpreti di questo artista abbiamo un nostro connazionale, il maestro Maurizio Pollini che in questa incisione del 1975 non ha praticamente rivali.
Il brano che desidero condividere con tutti voi è la Polonaise Heroic op. 53

10 commenti:

  1. Veramente un grande compositore Chopin,le sue note non muoiono mai.Ti auguro un buon inizio di settimana,saluti a presto

    RispondiElimina
  2. Adoro Chopin, la sua musica è poesia allo stato puro !


    Ciao,
    Cri

    RispondiElimina
  3. Cavaliere, i suoi notturni sono anche un reale modo per rilassarsi, li compose con la nostalgia della sua terra natale e lontana...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  4. Cri, le note erano la sua penna d'autore...e uno scritto di tale portata dura per sempre!
    Un caro saluto, buona serata.

    RispondiElimina
  5. ascolto tranquilla ...grazie per questo attimo di serenità!

    RispondiElimina
  6. mi hai regalato bei minuti di piacere... grazie e buona settimana!

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Lo, il potere della musica...credo che sia quello che fa "volare" più in alto di tutte le altre arti!

    RispondiElimina
  8. Grazie Raggio, non concepirei la vita senza la musica...
    Buona giornata a te!

    RispondiElimina
  9. Grazie Sirio per regalarci questi momenti incantati. Ciao e lieta serata.

    RispondiElimina
  10. Questo post mi ha fatto ricordare che io ho un pianoforte che non uso da anni.
    Me l'hai fatto ricordare e tra un pò vado a suonarlo un pò :) ti ringrazio.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven