venerdì 23 aprile 2010

VULCANI


L'emergenza per il vulcano Eyjafjallajokull non è ancora finita.
E' di ieri pomeriggio la notizia che Svezia e Norvegia hanno nuovamente chiuso lo spazio aereo, palese dimostrazione che la preoccupazione c'è e non accenna a diminuire, accentuata dal fatto che il vicino gemello potrebbe risentire delle vibrazioni prodotte dal "fratello maggiore".

Insieme a questa notizia, ne ho sentita un'altra che ci riguarda molto più da vicino, e cioè che sull'Etna si è aperta da poco una nuova bocca di fuoco!
Certamente i monitoraggi sono fatti seriamente, tuttavia credo che i fenomeni metereologici o ambientali, come prevedere l'eruzione di un vulcano siano molto difficili, e lo dimostra il fatto che i vulcanologi Italiani sono all'erta.
Ribadisco un concetto che ho già espresso in altri post, la natura si sta ribellando e in grandissima percentuale la colpa è nostra.
Le immagini del video sottostante sono indubbiamente spettacolari, ma devono soprattutto farci riflettere . . . !!

10 commenti:

  1. Si hai ragione su questo punto di vista della natura si ribella, ma ho pronto un post da qualche mese che dimostra che in realtà non è cosi!
    Sono fenomeni che ci sono sempre stati.

    RispondiElimina
  2. Arrgianf, allora aspetto che lo pubblichi!
    Sono d'accordo con la tua affermazione, è vero che ci sono sempre stati ma evidentemente non sono mai stati portati alla ribalta in modo così eclatante come ora.
    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  3. Pensa che un altro serio rischio vulcanico è il Vesuvio.Questo vulcano è di tipo esplosivo e può provocare nubi ardenti che raggiungono il mare dalla cima in 5 minuti. La natura ha il suo ciclo,da quello che mi sono documentato in giro ,visto la mia passione;siamo vicino a un ciclo di disatri naturali avvenuti nella metà del 1800.Ti auguro una buona serata,saluti a presto

    RispondiElimina
  4. Ciao Cavaliere, ho letto anch'io qualcosa sul Vesuvio.E'attualmente dichiarato in stato di quiete, ma nonostante questo viene monitorato 24 ore al giorno, questo vuol dire che potenzialmente è una bomba!
    Speriamo che continui a starsene tranquillo...
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  5. Sicuro che se pensiamo negativo non sarà un buon segno, non vorrei creare allarmismi ma il fatto che tutti sappiamo che la terra si sta riscaldando, i ghiacciai si stanno scogliendo, penso proprio che purtroppo la terra non avrà vita facile nei prossimi decenni.
    Non dobbiamo dimenticare che in Italia abbiamo una bomba! cioè il Visuvio che sta solo dormendo! quando si sviglierà sarà la catastrofe che nessuno può immaginare.
    Buona giornata caro Sirio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. ...Il fumo fa male!!!...Alle tasche delle compagnie aeree! ;-)

    RispondiElimina
  7. Caro Tomaso, non va bene neanche essere catastrofici.
    Le eruzioni sono sempre avvenute, questa ha sconvolto il traffico aereo ed è questo il motivo per cui è stata così pubblicizzata.Nel video, l'elicotterista si è praticamente affacciato al cratere che erutta, e non è successo niente...!
    Quanto al Vesuvio, come ho detto prima a Cavaliere, è in quiete ma ciò nonostante viene monitorato 24 ore al giorno, quindi è un "sorvegliato speciale", guardato a vista...mi sembra sufficiente, no?
    Buona serata caro amico, a presto!

    RispondiElimina
  8. Ehehehe, Pino...tutto questo subbuglio mi è sembrata tanto un'esercitazione di " touch and go"
    a livello europeo...quello che ha fatto male alle compagnie è il mancato PRO-FUMO che fanno gli eurini, i dollarini ecc.ecc....
    Ciao, sei sempre spiritosissimo!

    RispondiElimina
  9. Non ho osato guardare il video caro Sirio; ti confesso che certi spettacoli mi spaventano e mi angosciano.
    La terra si sta ribellando e non poteva non accadere. Dio non voglia che accada l'irreparabile.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Cara Paola, ho pensato di pubblicare il video perchè è necessario rendersi conto delle potenzialità della natura.
    Le eruzioni, i terremoti e tutte le calamità naturali sono sempre accadute, questa volta l'evento è stato portato in prima pagina per i soliti interessi economici, questa volta ad essere toccate sono state le compagnie aeree.Credo che l'irreparabile in Italia non possa succedere, abbiamo le capacità e la competenza per prevedere e prevenire un'eruzione, per esempio quella del Vesuvio.
    Buona domenica, cara amica!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven