mercoledì 21 aprile 2010

IL TESTIMONE SILENZIOSO

Era il 1953 quando il poeta-operaio Alberto Penna compose questa poesia con l’appassionata invocazione:

"O Gesù! se un giorno Tu ritorni
vieni a nascere nell'officina ;
sopra un maglio, la culla divina
ti riscalda il calore dei forni.

Ritornello :

Vieni, torna, buon Signore,
per la nuova, Redenzione;
forgerai nel nostro cuore
la tua croce di passione. "

Questa poesia suscitò tale e tanto interesse che venne musicata, e la medodia si rivelò struggente cone i versi.

Cari amici, il pomeriggio di ieri è stato particolare quanto intenso: rivedendo la Sindone, ho pensato che l'Uomo crocefisso iniziò a soffrire appena nato "per loro nell'albergo non c'era posto" !! e continuò fino ad immolare se stesso, per amore.

Io sono stato operaio, so cosa vuol dire il lavoro in officina: Come Alberto Penna ho pregato Gesù, e vorrei che nascesse in un mondo che lo accolga, che lo accetti... e che lo ami!

Un motivo in più di gioia mi è stato dato dalla presenza dell'amica stella, una persona con una Fede grandissima.


Nel video che desidero condividere con tutti voi, ho raccolto alcune immagini del percorso sindonico, dalla partenza avvenuta davanti all'ingresso del Teatro Regio, lungo i giardini Reali per concludersi davanti alla Sindone esposta nella cattedrale di Torino, il duomo dedicato a san Giovanni Battista.



10 commenti:

  1. Stupendo documento storico, Sirio.

    RispondiElimina
  2. Grazie Sirio... che mi hai fatto conoscere questo storico documento.
    Buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Anch'io ti ringrazio per averci fatto conoscere questo storico documento.Ti auguro una serena serata,saluti a presto

    RispondiElimina
  4. Chissà quale poesia verrebbe fuori oggi, visto che -almeno nel Veneto- il 48% degli operai vota lega!
    Vedi a questo link un articolo di ieri: http://carta.ilgazzettino.it/MostraStoria.php?TokenStoria=533207&Data=20100420&CodSigla=PG

    RispondiElimina
  5. Stella, mi era rimasta talmente impressa nella memoria che sono andato a cercare le notizie storiche sperando di trovarle...sono stato fortunato!
    Grazie per la tua presenza.

    RispondiElimina
  6. Grazie a te Tomaso, quando trovo qualcosa di bello da condividere, è un piacere.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  7. Cavaliere, grazie e buona serata anche a te!

    RispondiElimina
  8. Sergio, non oso pensarlo...una volta la classe operaia, di cui anche se non per molto ho fatto parte anch'io,era ben altra cosa...
    Pur passando successivamente da un'officina ad un ufficio, il mio modo di pensare non è cambiato affatto, mentre fa pensare seriamente questa "svolta" che hai citato.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  9. Incrociato per sbaglio dopo quasi un anno ma molto molto bello! Citi la poesia di Alberto Penna: sarebbe possibile trovare la musica?
    Ciao

    RispondiElimina
  10. Sarebbe possibile avere la melodia musica della poesia di Alberto Penna, è un po' che la sto cercando senza successo.
    Grazie!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven