martedì 2 febbraio 2010

LA CREMAGLIERA SASSI - SUPERGA


Cari amici, da Torino-borgata Sassi- c’è un trenino a dentiera,unico in Italia nel suo genere.
Il percorso si sviluppa per 3.100 metri tra la stazione di partenza (a 225 metri s.l.m) e la stazione di Superga (a 650 metri s.l.m.). Il dislivello totale di 425 metri è superato con una pendenza media del 13,5% con punte del 21% nel tratto finale.

Un pò di storia :

Dai tempi in cui alla collina di Superga si saliva a piedi e poi per mezzo di una funicolare trainata da asini, si giunse al 26 aprile 1884 quando, in occasione dell'Esposizione Nazionale, venne inaugurata la funicolare a vapore progettata dall'ingegner Tommaso Agudio. Il trenino era mosso da un motore trainante una fune d'acciaio, che scorreva parallelamente al binario, su pulegge sistemate lungo il percorso.
il 16 aprile 1934 venne inaugurata la tranvia a dentiera Sassi-Superga, a trazione elettrica con un binario tradizionale affiancato da una terza rotaia e da una cremagliera centrale, detta comunemente "dentiera".

Dopo alcuni periodi di alti e bassi, la "dentera" , come viene chiamata affettuosamente dai torinesi, è ritornata a funzionare con regolarità diventando un punto di interesse turistico non solo per i cittadini, ma anche per coloro che vengono a visitare Torino.

Le vetture sono del 1934 e conservano rigorosamente le caratteristiche dell'epoca conferendo al viaggio un'atmosfera d'altri tempi ed un panorama indimenticabile.
La moderna stazione di Sassi ospita un'esposizione permanente sulla storia dei trasporti torinesi, da vedere!

P.S. Mi scuso per il video un pò ballerino, ho fatto le riprese a mano libera... cosa che non si dovrebbe fare!!







19 commenti:

  1. Superga è bellissima e la storia della cremaliera è straordinaria....in estate amo andare con la mia Vespa, fare visita al Grande Toro e guardare Torino, maestosa fra le alpi ....

    RispondiElimina
  2. Non sono mai stato su questo bellissimo posto, io ricordo che negli anni 40 quando si schianto l'aereo sulla basilica di Superga, tutta la squadra del Torino persero la vita,
    quel ricordo che io ho, è ascoltando l'aradio era emozionante sentire il commentatore che dava l'addio a tutta la squadra, ricordo quellemozione come fosse adesso.
    Buona giornata caro Sirio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. ch ebella storia..e che bel posto...il trenino è davvero affascinante!
    buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
  4. Buona sera Sirio, guardando le foto e il video, mi hai fatto venire in mente Milano che ho visto poco tempo fa e i tram piu vecchi, hanno la stessa forma della della vostra cremagliera. Io la collina di Superga la conosco solo per il tragico fatto della scuadra di calcio. Anche se il video era un pochino mosso, andava bene lo stesso e ci ha mostrato un pochino di storia. Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  5. Mi ricordo l'anno scorso che volevamo fare un giro al Superga con la cremagliera poi non so perchè non ci siamo andati......comunque dev'essere carinissima!
    ps:scusa ma come fai ad inserire i video da you tube?Sono negata,bisogna registrarsi?
    Ciaoooooo

    RispondiElimina
  6. Ottima scelta ,Bruno.
    Non sono tifoso granata, ma indubbiamente quella fu una grandissima squadra, quando mi capita di andarci la sosta in quel luogo è d'obbligo.
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  7. P.S. Bruno, ho letto che il Museo del Grande Torino non si trova più a Superga ma a Grugliasco, in Villa Claretta Assandri

    RispondiElimina
  8. Caro Tomaso, il 4 maggio del 1949 ero troppo piccolo per capire cosa era accaduto, avevo solo 6 mesi...ma poi mi sono documentato.
    Sembra un drama assurdo, pare che si fosse bloccato l'altimetro del trimotore che riportava il Torino a casa, per cui il pilota, complice la nebbia e il maltempo non si potè rendere conto del rischio incombente.
    Ciao, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  9. Lo, il tragitto è di soli 20 minuti circa, ma ne vale veramente la pena!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  10. Ciao Viviana, bentornata!
    Le storie tramviarie di Torino e Milano si assomigliano abbastanza, mezzi di trasporto ideali per città in pianura, ma soprattutto ecologici.
    Il tragico incidente di Superga, una vera strage,commosse non solo il mondo calcistico ma l'intera Nazione, che in quell'occasione si dimostrò coesa per l'accaduto.

    RispondiElimina
  11. Ty, spero che quest'anno vada meglio se ce l'hai in programma.
    Quando le giornate sono limpide il panorama è grandioso,la città contornata dalle Alpi e attraversata dal Po.
    Per you tube devi registrarti, ho risposto da te.

    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  12. Caro Sirio,
    non mi sembra che il treno di Superga sia l'unico in Italia; ce n'è un altro a Trieste, il treno a cremagliera che porta a Opicina, chiamato dai triestini "el tram de Opcina" sul quale ci hanno fatto anche una canzone.

    RispondiElimina
  13. Sergio, la cremagliera è comune ai due trenini, la differenza è che l'alimentazione della Villa Opicina avviene tramite pantografo, la tramvia torinese dal binario.
    E' questa la sua unicità!
    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  14. Veramente interessante, anche questa è informazione.

    Ciao Sirio

    RispondiElimina
  15. ciao Sirio, bella la cremagliera.

    RispondiElimina
  16. Geniale il sistema a cremagliera!!

    RispondiElimina
  17. Ciao Romano, buon pomeriggio!

    P.S. Qui oggi nevica di nuovo...

    RispondiElimina
  18. Ciao Pierangela, mi ha fatto piacere vedere che è frequentata anche nei giorni feriali.

    Buon pomeriggio, pure con questa neve...

    RispondiElimina
  19. Pino, è stata questa la prima cremagliera su cui sono salito.

    La seconda è stata quella che arriva al "Glacier du Midi" , sul monte Bianco...mozzafiato!!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven