mercoledì 16 dicembre 2009

IL TITANO DELLA MUSICA


Sonata per pianoforte in do diesis minore - opus 27

Beethoven compose questa sonata nel 1801 dedicandola alla contessa Giulietta Guicciardi, Principessa von Liechtenstein; il sottotitolo “Al Chiaro di Luna” è dovuto al poeta Heinrich Rellstab al quale l’ascolto del primo movimento evocava le immagini di un chiaro di luna sul lago di Lucerna.

La sonata, dalla grande forza espressiva, è fra le più note composizioni per pianoforte ed è ritenuta una delle più importanti del periodo classico.
Qui Beethoven non rispecchia il tradizionale schema quadripartito; il manoscritto, infatti, reca la dicitura “Quasi una Fantasia” per sottolineare la struttura originale, libera da costrizioni schematiche, di questa sonata.
È un brano ricco di melanconia che scorre fluido; la melodia, struggente come un canto d’amore nella notte, crea una atmosfera che coinvolge ed emoziona.

Esistono 138 opere di Beethoven numerate. Queste composizioni possiedono un numero attribuito dal compositore stesso, detto numero di opus e non hanno titolo.

Cari lettori, come sapete Beethoven è il mio compositore preferito. Ricordarlo nell'approssimarsi del suo compleanno ( domani 17 Dicembre compirebbe 239 anni...) per me è un piacere come si fa con un amico speciale.

2 commenti:

  1. Beethoven l'adoro anch'io.
    Mio figlio a volte lo ascolta di sua spontanea volontà...dice che con Mozart è quello che preferisce, chissà magari un giorno riuscirà anche a suonarlo!
    Un caro saluto, roberta ringraziandoti per le belle informazioni che ci dai;))

    RispondiElimina
  2. Bel brano! fai più spesso di questi post! Grazie

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven