venerdì 30 ottobre 2009

OGNISSANTI- SIAMO TUTTI IN CAMMINO!

La risurrezione di Lazzaro
Il primo Novembre è la festa di Tutti i Santi, non solo di quelli segnati sul calen­dario e che veneriamo sugli alta­ri, ma anche di quelli che sono passati sulla terra in punta di pie­di, senza che nessuno si accor­gesse di loro, ma che nel silenzio del loro cuore hanno dato una bella testimonianza di amore a Dio e ai fratelli, forse parenti no­stri, amici, forse nostro padre, nostra madre, umili creature, che ci hanno fatto del bene senza che noi neppure ce ne accorgessimo.

Cari lettori, sono andato a trovarli qualche giorno fa : mamma, papà, zii, zie, nonni, nonne, amici...li ho salutati tutti perchè so che sono vivi, lo sono dentro di me e in qualche modo mi fanno sentire la loro presenza, oggi come ieri.

Non andrò in quel giorno, perchè purtroppo questo luogo di preghiera e di meditazione diventa un mercato, una gara a chi sfoggia
la miglior composizione, il mazzo più bello... ed io tutta questa esteriorità una volta all'anno non la condivido.

Buona fine settimana!

21 commenti:

  1. Belo questo post, particolare, riflessivo, tenero e pieno di speranza.

    RispondiElimina
  2. Dolce e toccante ... bravo Sirio !

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con te, Sirio. Non mi piace l'esteriorità di cui si fa sfoggio in una giornata che dovrebbe essere di raccoglimento e di preghiera. Anch'io ho fatto come te.

    Un caro saluto.
    annarita

    RispondiElimina
  4. condivido le tue riflessioni, siamo davvero tutti in cammnino, i nostri cari ci hanno solo preceduto e ci aspettano. questa festa mi piace pensarla così, non mi piace halloween... non è nelle nostra cultura...

    RispondiElimina
  5. soprattutte le ultime righe sono interessanti...
    alla fine tutto è un business!!!

    RispondiElimina
  6. Una bella riflessione. Sì siasmo tutti in cammino, per via, e al tempo stesso non ricordiamo spesso la rivoluzione che è stata per gli uomini di poco meno di 2000 anni fa la rivelzione che la morte era solo una parentesi

    RispondiElimina
  7. La stanza in fondo agli occhi, sei la benvenuta!
    E' esatto quanto affermi, la morte è solo un punto di passaggio però comunque la temiamo perchè "non sapete nè il luogo nè l'ora", e non sono io a dirlo...

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  8. Sara, quando c'è fede c'è anche speranza...

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Grazie Red, scrivo quello in cui credo.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Cara Annarita, infatti. Il messaggio della festa di Ognissanti è ben altro, il mercato proprio non c'entra...!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Ciao Pierangela, un caro saluto a te.

    RispondiElimina
  12. Cara stellina, so come la pensi.Il cristiano non si vede solo una volta all'anno...

    Buona giornata, un bacione.

    RispondiElimina
  13. Cara Raggio, non posso che essere d'accordo.
    Sono già troppo le feste in cui prevale la mondanità al posto dela spiritualità.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  14. Cara ArrGianf, in effetti le mostre floreali dovrebero essere da tutta un'altra parte...

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  15. P.S. Scusa ArrGianf, non volevo certo cambiarti i connotati...

    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  16. va be mi riferisco ad Hallowen piu che altro, al cimitero io preferisco andarci altri giorni... non esiste che vada li i primi di novembre per spettegolare come purtroppo fanno in molti.

    RispondiElimina
  17. ArrGianf, vedo che la pensiamo esattamente allo stesso modo.
    I "salotti" d'intrattenimento e i mercati, in un luogo come questo ci stanno come i cavoli a merenda.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  18. purtroppo però va a finire sempre cosi... la gente ci va per sparlare e per conoscere persone. Quasi non sa neanche cosa voglia dire una festa o un anniversario..

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven