giovedì 22 ottobre 2009

IL RE DEL VALZER

Il Casinò Dommayer di Hietzing nel 1889.

In questo locale, debuttò il 15 ottobre 1844 Johann Strauss - figlio.
(Neubau, 25 ottobre 1825 – Vienna, 3 giugno 1899)

Johann Sebastian Strauss viene ricordato per le sue famose composizioni più che come concertista, prima tra tutte la celebre opera "Sul bel Danubio Blu (An der schonen blaunen Donau)".

Il Valzer composto nel 1867, è uno dei brani più famosi della storia dela musica classica.
Fu infatti con il giovane Strauss che in Europa (e non solo) il valzer conobbe il suo massimo periodo di splendore.

Cari lettori, per me ascoltare la musica di questo compositore è come salire su una mongolfiera che mi porta in alto, dove l'aria è pulita e frizzante e il sole scalda di più!

Un appuntamento che difficilmente perdo è il concerto di Capodanno, dove la musica di questa dinastia di musicisti predomina, lasciando altresì spazio ad altri celebri compositori.

I brani che mi hanno conquistato sono molti, ve ne presento uno che nei concerti con il corpo musicale Giuseppe Verdi, proponiamo agli ascoltatori.

21 commenti:

  1. E chi se lo perde mai quel concerto!???^___^
    Ma sai che a Vienna non cosa moltissimo il biglietto?Ricordo che avevo chiesto ed i prezzi erano accetabili...Una meraviglia il Teatro...Come tutta Vienna daltronde.

    RispondiElimina
  2. ti aspetto x un compleanno molto speciale

    RispondiElimina
  3. è bello sentire la musica attraverso le tue parole! buona giornata!!

    RispondiElimina
  4. ciao sirio, adoro il valzer e strauss è il compositore che più di qualsiasi altro amo;))
    un caro saluto, roberta

    RispondiElimina
  5. Ah... Strauss!!
    Solo a sentire il suo nome mi immagino in un sontuoso salone, con indosso un vestito lungo, da gran sera, a danzare...danzare...danzare....fino
    fino a restare senza fiato...

    RispondiElimina
  6. Fin da bambina seguo il concerto di capodanno, non so praticamente nulla di musica classica ma è sempre una emozione ascoltare opere come il bel danubio blu o la marcia di Stravinsky!
    Grazie per la tua visita al mio blog :)
    E buona giornata!

    RispondiElimina
  7. aspeee ma hai scritto "figlio" perchè c'è Strauss padre? Non sapevo :(

    RispondiElimina
  8. Guernica, avevo sentito di prezzi proibitivi, addirittura persone che prenotavano un anno per quello successivo...
    Si vede che i tempi sono cambiati, per fortuna!
    Magari ci faccio un pensierino, Vienna è una città che per ora è solo nei miei sogni.

    Grazie per gli auguri, ho apprezzato moltissimo!

    RispondiElimina
  9. Pierangela, rifaccio gli auguri a tua mamma, dev'essere una persona splendida!

    Buona serata.

    RispondiElimina
  10. Cara Lo, penso che la musica sia il linguaggio universale per eccellenza, non a caso!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Mi fa piacere Roberta!
    E pensare che all'epoca quella musica era leggera, altro che classica...
    Il valzer viennese è "il valzer",e facemdo un paragone oltre oceano, come "il tango" è solo quello Argentino.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Sara, hai ricostruito l'ambiente con poche parole...complimenti!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  13. Ruby sei la benvenuta!
    Opere come quelle che hai citato sono intramontabili, fanno parte del patrimonio musicale universale.

    Un caro saluto, a presto.

    RispondiElimina
  14. Ciao ArrGianf, Johann Strauss "padre" fu il capostipite, autore della famosa " Radetzky March" che invariabilmente conclude il Concerto di Capodanno. Fu anche irriducibile avversario del figlio, che però era più bravo di lui per cui emerse...!!

    Grazie per gli auguri , e anche per tutto il resto che hai scritto, mi ha fatto molto piacere!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  15. Ciao caro Sirio, golosone mancato a causa del forno malconcio !!! ;)
    Anch'io associo Strauss a saloni illuminati a giorno, dame e cavalieri elegantissimi e ...Vienna! Che meraviglia ! Una delle cose che mi piacerebbe fare è proprio trascorrere un Capodanno lì ! ahhhh (sospiro sognante ...)

    Cmq AUGURI DI BUON COMPLEANNO, anche se in ritardo ... li accetti ancora ????
    un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ciao Red, per il forno spero di poter provvedere al più presto...!!!

    L'ho detto a Guernica, Vienna è nel cassetto dei sogni che spero di realizzare.

    Certo che gli auguri vanno bene anche oggi, ci mancherebbe!

    Buona serata e un caro saluto.

    RispondiElimina
  17. La mia memoria non ha anni in cui mi sono persa il concerto di fine anno, firmerei carte false pur di non perdermelo. Io senza musica classica non sono capace di stare e divento una belva se mi viene negata la possibilità di ascoltarla. Vai a leggere la risposta al tuo commento nel mio blog, forse rimarrai stupito. Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  18. Complimenti Viviana, la tua casa è praticamente un auditorium!
    La musica, in particolare quella classica, è un toccasana per tante cose...

    Buona vita a te!

    RispondiElimina
  19. Mi piace immensamente il valzer e quelli di Strauss sono splendidi: sulle note del Danubio blu, la mia mamma mi insegnò i passi del valzer eogni volta che ne ascolto uno mi sento trascinare come in cielo. I concerti di Capodanno? non ne ho perso neanche uno, dacché ho memoria.
    ciao, buona domenica

    RispondiElimina
  20. Cara Paola,sei stata fortunata ad avere una mamma così!
    Adesso piacerebbe pure a me... ma quando potevo imparare suonavo, quindi niente...

    Ti abbraccio, buona domenica anche a te!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven