lunedì 7 settembre 2009

CONSEGNA DOMENICALE

La piazza di Santena

Ritornare in un paese dopo anni di assenza fa uno strano effetto...perchè il centro storico normalmente non cambia, mentre la periferia è irriconoscibile!

E' quanto mi è successo ieri a Santena, cittadina distante una ventina di km da Torino e che frequentavo per motivi di lavoro.

"La piazza" continua ad essere il centro vitale, dove specialmente nei giorni festivi la gente si ritrova per prendere l'aperitivo, per scambiare due chiacchiere e, come ieri, visitare il mercatino dell'antiquariato.

Ci sono ritornato ieri per una consegna floreale, dopo essermi documentato su intenet (benedetta rete!)
dove si trovasse la via in cui dovevo recarmi, ma ho voluto comunque chiedere informazioni.

Le spiegazioni sono state accuratissime, ci mancava solo più che mi accompagnassero di persona!

Altra "nota di colore" alla consegna : villetta bifamiliare, stesso cognome al piano terreno e al primo piano.
Suono al piano terreno, esce un signore che mi dice : non siamo noi...suoni al piano di sopra!
Non faccio in tempo a fare l'operazione che il cancello si apre e mi viene incontro un ragazzo. Dico : porto dei fiori per. . . . " è mia sorella, guardi sul balcone! " il "grazieeeee" della ragazza in questione poteva arrivare nel centro storico senza bisogno di amplificazione...!!

Cari amici, ho voluto raccontarvi una piccola storia di paese, dove la vita è ancora a misura d'uomo.

ingresso in paese


ingresso al parco di Cavour

15 commenti:

  1. dovresti vedere al mio paesello ... 600 anime...le persone sanno le cose ancor prima che tu le faccia ... ma lo adoro

    RispondiElimina
  2. La realtà paesana la conosco bene Bruno, Venaria era così e sotto certi aspetti ancora oggi non è cambiata, pur essendo ormai una città di circa 40.000 abitanti.

    Essendoci nato la ricordo con i prati vicino a casa mia,dove si giocava a pallone...!!

    Ciao, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  3. Ciao Sirio, una storia deliziosa e fresca: la foto dell'ingresso al parco mi rievoca un piccolo paese in provincia di Como che frequentavo da bambina con i miei geitori.
    Se vuoi volare... vieni nel mio blog dei premi: c'è una cosa per te,
    bacioni

    RispondiElimina
  4. Ciao Paola, cose che sembrano di altri tempi, e invece sono attuali...io le trovo deliziose!

    Volo subito da te.

    Ricambio, buona serata!

    RispondiElimina
  5. E' la realtà che vivo tutti i giorni e rubando la frase di Bruno dico anch'io che l'adoro......
    soprattutto nella sua quotidianità;)
    Un caro saluto Sirio, Roberta.

    RispondiElimina
  6. Non c'è niente di più bello Roberta, infatti!

    Ciao, un caro saluto.

    RispondiElimina
  7. Beato chi vive in queste cittadine, anche se ci sono paesi o piccole città dove la vita è inssorpportabile (per vari motivi).

    Ciao Sirio

    RispondiElimina
  8. "ho voluto raccontarvi una piccola storia di paese, dove la vita è ancora a misura d'uomo."
    Ciò che nelle città non esiste perchè si e solo un numero. Sono scappata da Parigi per venire ad abitare in un paesino in provincia di Milano e poi spostarmi a Sondrio dove ancora si vive decentemente e non freneticamente. Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  9. Belle le foto di questo piccolo centro che non conoscevo, ed il tuo racconto è un esempio perfetto della vita che si svolge in luoghi come questi.
    Evelin

    RispondiElimina
  10. Ciao Romano, in effetti la vita di paese comporta anche qualche rischio...perchè si sa tutto di tutti!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Ciao Viviana, quanto scrivi è verissimo. La città snaturalizza, rende anonimi e tende a far isolare le persone.
    La mia è pwer fortuna una situazione un pò diversa, pur vivendo in una città come Torino abito in periferia,e la vita di quartiere è più coinvolgente.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  12. Ciao Evelin, sono contento di averti portato un pò di "spirito paesano" piemontese.
    Il bello della rete è anche questo,ha il potere di avvicinare le persone,di far conoscere realtà magari distanti migliaia di Km (come tra Piemonte e Sicilia)

    Un caro saluto, a presto.

    RispondiElimina
  13. ahaha come il mio paesino.. si sa sempre tutto .. ciao sirio è tantissimo che non passavo come stai? spero che tu stia bene.. un bacino

    RispondiElimina
  14. ahaha come il mio paesino.. si sa sempre tutto .. ciao sirio è tantissimo che non passavo come stai? spero che tu stia bene.. un bacino

    RispondiElimina
  15. Ti segnalo il mio post di oggi dedicato all'orchestra Spira Mirabilis. Sono veramente straordinari.
    Un abbraccio, Giorgio.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven