martedì 28 luglio 2009

ODE ALLA GIOIA ? SI', MA ANCHE INNO EUROPEO!

Vienna : la Reggia e i giardini di Schonbrunn

Ci vollero dieci anni, dal 1814 al 1824 perchè Vienna potesse ascoltare una nuova sinfonia di Beethoven.
Per tutto questo tempo il compositore non era rimasto inattivo, ma aveva fatto dubitare di avere chiuso per sempre i giochi con il genere sinfonico, anche a causa dello sconforto dovuto al progredire della sordità.
Tutto il contrario!
Il musicista pensava da tempo ad un progetto grandioso e rivoluzionario, una partitura di importanza capitale che avrebbe modificato lo stesso concetto di sinfonia.
Ecco dunque nascere la "nona", composizione che nel suo celebre Inno alla Gioia (scritta dal poeta tedesco Friedrich Schiller) trasmette un chiaro messaggio di fratellanza, un sincero convincimento della presenza di una Bontà Celeste.
Da un punto di vista formale, Beethoven desidera manifestare con forza il suo pensiero, e per la prima volta l'artista sente che la sola strumentazione non è più sufficiente, perciò ricorre alle voci dei solisti e del coro.
Il risultato è quel grandioso affresco corale universalmente riconosciuto e apprezzato.

Certamente Beethoven non pensava minimamente che la sua Ode alla Gioia sarebbe diventata l'Inno Europeo!!

Cari lettori, non mi resta che augurarvi un buon ascolto.

13 commenti:

  1. grazie, è stato un minuto trascorso con lo spirito elevato da note magiche...

    RispondiElimina
  2. Ti abbraccio Sirio,
    ho dovuto bloccarla....mi toccava corde profonde....
    Un bacio
    Ornella

    RispondiElimina
  3. Grazie del comment, ti inserisco tra i miei blogger amici.

    Buona gg

    RispondiElimina
  4. Raggio, sei la benvenuta!
    Il potere mediatico della musica è indescrivibile, giustamente è un linguaggio universale.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  5. Cara Ornella, la musica è immortale nel tempo e varca i confini umani,va oltre quello che siamo,ciò in cui confidiamo e soprattutto (secondo me) è viatico per le battaglie che si combattono...!

    Ricambio l'abbraccio a te, a Niki e a Nathan!

    RispondiElimina
  6. molte volte son passata da te, ho ascoltato la tua buona musica senza lasciare traccia, ma ieri sera è stato davvero piacevole, più del solito!!! ciao e... buona serata.

    RispondiElimina
  7. Andrew,ci sei stato? io no purtroppo, ma spero proprio di andarci!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  8. Grazie raggio, mi gratifichi!
    Ti dico una cosa: ero mooolto restio ad aprire un blog, poi stella che conosciamo entrambi,mi ha spronato. Ho seguito il suo consiglio che si è rivelato centratissimo!

    Un caro saluto, buona serata.

    RispondiElimina
  9. Tiziano,grazie a te per la visita!
    Ti ho messo anch'io tra i preferiti.

    Anche di qui ti auguro buona vacanza, a presto.

    RispondiElimina
  10. E' una musica che emoziona tanto Sirio.

    RispondiElimina
  11. Quando si parla di coincidenze..
    Questo bellissimo pezzo di vera musica, lo stavo ascoltando proprio venti minuti fà. Sublime!!
    Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  12. Cara stellina, al di là che io sono "di parte", la grandezza dei geni come Beethoven sta proprio in questo,
    la capacità di trasmettere immediatamente sensazioni forti, emozioni che fanno vibrare l'anima.

    Ti abbraccio!

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven