giovedì 2 luglio 2009

NEGRO-SPIRITUALS

Una piantagione di cotone in Georgia-USA- foto Flickr

Sono i canti degli schiavi negri d'America formatisi tra il 1700 e il 1800, quando la musica in Europa era quella di Bach, Mozart e Beethoven. Gli spirituals rappresentano, da un punto di vista musicale, la fusione di diverse culture.
Alla matrice africana si sovrappongono gli influssi europei della musica popolare celtica , irlandese, anglosassone e del corale protestante a quei tempi diffuso nell'America del Nord. Diversi quindi gli influssi musicali, unica invece la matrice "spirituale".

Gli spirituals vennero per molto tempo cantati nei campi, in quanto agli schiavi era proibito l'accesso nelle chiese "dei bianchi". Per avere un riscontro positivo si dovrà aspettare l'abolizione della schiavitù, che avvenne solo nel 1815, dopo tante traversie.

La musica afro-americana ha sempre esercitato un forte fascino su di me. Penso che in qualche modo una causa sia di tipo genetico, essendo mia mamma nata negli Stati Uniti d'America, figlia di emigranti italiani; per quel poco che ricordo, lei aveva l'abitudine di canticchiare in Inglese...

Uno degli spirituals più conosciuti è "Nobody knows, the trouble I've seen. ..". Tra gli interpreti più famosi il grande "Satchmo", Louis Armstrong e il "Golden Gate Quartet", dei quali desidero presentarvi un'interpretazione.



12 commenti:

  1. Grazie nella!
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  2. La musica, riesce a far riemergere ciò che la società prova a reprimere.
    Grazie Sirio.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Ti volevo ringraziare per i complimenti. a presto Sisifo

    RispondiElimina
  4. Caro Marco, la lista potrebbe essere lunga...purtroppo ci sono ancora troppi sordi, ovvero gente che si tappa le orecchie per non ascoltare...!!

    Un caro saluto, buona fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Caro sisifo, ho semplicemente constatato che sai fare molto bene, hai dimestichezza con queste cose.

    Grazie per la visita, buon w.e.

    RispondiElimina
  6. Gli spirituals sono molto suggestivi: mi piace molto ascoltarli e questo che ci offri è fra i più belli.
    Grazie, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Che voce! Ho ascoltato con molto piacere, grazie per avermeli fatti conoscere. Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  8. Buona domenica cara Paola!
    Grazie. Credo che la musica sia nutrimento per l'anima,per questo la propongo volentieri.

    Un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Grazie a te,Viviana.
    E' la loro musica...bisogna che siano loro a cantarla!

    RispondiElimina
  10. Pas de quoi cara stellina!

    Ho appena pubblicato un altro "intermezzo" musicale, tanto per non smentirmi...

    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven