mercoledì 3 giugno 2009

UNA SERATA MAGICA

Piazza San Carlo, sullo sfondo il palco del concerto


Cari lettori, ieri sera in Piazza San Carlo si respirava un'atmosfera di festa, quasi surreale.
La città di Torino si è stretta attorno alla sua Orchestra, la Nazionale Sinfonica della Rai che ha avuto i suoi natali proprio qui.

Nonostante il lungo weekend, migliaia di persone tra le quali il sottoscritto, si sono radunate per ascoltare ed applaudire i professori che compongono l'organico di questo affiatatissimo e prestigioso "ensemble".

Il concerto, trasmesso in diretta sulle onde di radiotre rai, ha avuto inizio alle 21.30. I primi due brani sono stati "il canto degli Italiani" (l'inno di Mameli) e successivamente l'inno Europeo, che come certo sapete è la celebre "ode alla gioia" dalla nona sinfonia di Beethoven, la corale.

Un'ovazione ha accolto il giovanissimo direttore d'orchestra, il Maestro Giampaolo Bisanti che, intervistato dalla presentatrice (con classica papera, ne ha sbagliato il cognome) , tra le altre cose ha detto che la musica classica va fatta conoscere soprattutto ai giovani, in questo modo resterà sempre intramontabile.

Tra i brani che sono stati eseguiti non poteva mancare Giuseppe Verdi, del quale sono state eseguite due sinfonie : dal "Nabucco" (va pensiero sull'ali dorate) e da "La forza del destino".

Sono partito di casa per tempo, in modo da poter essere il più possibile vicino al palco, in questo modo ho potuto scattare alcune fotografie che ora vi propongo.

Purtroppo l'amica stella non è potuta venire, mi è dispiaciuto molto!

Un momento del concerto

tutti attenti...
Un angolo di Piazza San Carlo

10 commenti:

  1. bellissimo e poi piazza San carlo è un qualche cosa di unico....torino, straordinaria....

    RispondiElimina
  2. Deve essere stato uno spettacolo bellissimo, vedere tanta gente ad ascoltare un'orchestra deve essere stato emozionante......le grandi orchestre dovrebbero farlo più spesso anche se l'acustica non è come in un teatro, in questo modo si avvicinerebbe molta più gente!
    Ciao sirio e buona serata, roberta.

    RispondiElimina
  3. Ciao Bruno,ho letto questa mattina che eravamo 15mila...e durante il concerto non si sentiva volare una "vespa"...
    scherzo,questi comunque sono eventi culturali unici e che ti fanno riscoprire l'orgoglio di essere "turinèis".

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Roberta, ho una certa esperienza in merito e ti posso assicurare che un'esecuzione "dal vivo" non perde nulla, anche se non in un ambiente apposito quale può essere un teatro o un auditorium.

    SArebbe molto auspicabile che eventi ad alto livello come questo fossero un po' più frequenti.

    Certamente sono d'accordo, l'emozione che ho vissuto è stata grande e coinvolgente.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  5. che grande emozione deve essere stata una serata così...la musica che accompagna l'atmosfera l'aria tiepida...insomma che bello!

    RispondiElimina
  6. "L'applauso non deve essere un "bravo", ma un "grazie""

    Forse è più giusto così: "l'applauso deve essere un "bravo" ed un "Grazie""

    ________

    Avevo già inserito un commento a questo post, ma non l'ha preso.

    RispondiElimina
  7. Cara Lo, sono quele serate che assapori fino in fondo.
    Se accadessero con una frequenza un po' maggiore, sarebbe ancora meglio...
    Piazza San Carlo è stata restituita ai torinesi eliminando il traffico,cosa più giusta non potevano fare!

    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  8. Acuta osservazione Sergio, entrambe le cose!
    Se il pubblico con l'applauso ti ringrazia vuol dire che hai trasmesso delle emozioni, se ti vuol dire "bravo" riconosce l'impegno profuso per la realizzazione di quell'evento, manifestazione o concerto che sia...

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  9. Ho sentito parlare di questo concerto visto dal vivo, da un amica anche lei entusiasta. Hai avuto una bella fortuna a poterlo vedere. Buona serata e buona vita, Viviana

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven