giovedì 22 gennaio 2009

UN ANNO IMPORTANTE : IL 1964



Cari amici, questa è una fotografia storica che per me ha molta importanza,
ancora oggi mi emoziona tantissimo,quando la rivedo.

Ero agli inizi della mia carriera musicale, avevo 14 anni.
Casualmente,in una delle sale dell’oratorio (allora ci si andava,era
uno dei punti di ritrovo e di aggregazione,dove il pallone imperava)
vidi un vecchio Harmonium,uno strumento che per suonarlo devi
letteralmente “pedalare”,per far entrare l’aria nel mantice e nella
meccanica.

Incuriosito al massimo mi avvicinai ma con sorpresa premendo i
tasti sentii che non usciva nessun suono.
Fu allora che vidi i due pedali alla base,scoprendo che pigiati
alternativamente introducevano aria all’interno dello strumento
e…sorpresa,premendo sulla tastiera lo strumento suonava!!

Fu una scoperta clamorosa per me,che da quel giorno alternavo
la partitella con la pratica musicale.

Fu lo stesso parroco ad indirizzarmi allo studio dell’organo,dopo che un
pomeriggio,sentendo suonare il suddetto harmonium stette per un bel
po’ ad ascoltarmi,a mia insaputa.

Da allora non ho più smesso,nello studio sono stato facilitato da un
ottimo “orecchio” musicale,condizione quasi indispensabile.

In tanti anni di attività ho avuto molte soddisfazioni,suonando organi
prestigiosi come quello della Madonna Consolata di Torino,quello di
Sotto il Monte (paese natale di papa Giovanni XXIII) solo per citarne
alcuni.

In questa fotografia sono in piedi in seconda fila,il quinto da sinistra

23 commenti:

  1. Credo che descrivere la tua emozione sia quasi impossibile.
    Grarie Sirio di questa testimanianza.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Grazie, carissimo, di aver voluto condividere questi bei ricordi.

    Provengo da una famiglia di musicisti: nonno paterno sassofonista,due fratelli di mio padre chitarristi e un altro pianista. Sono cresciuta a suon di musica di Mozart, Beethoven e altri grandi.

    Io stessa ho studiato 5 anni di pianoforte prima di abbandonare per seguire il corso di laurea in Fisica, molto impegnativo e che non lasciava spazio.

    Come vedi abbiamo in comune una grande passione:)

    salutoni
    annarita

    RispondiElimina
  3. che ricordo emozionante ed importante grazie per averci lasciato questa traccia!

    RispondiElimina
  4. Anche per me è un anno speciale: nacque una persona a me carissima.
    Buona serata ^__^

    RispondiElimina
  5. Che bel ricordo...grazie di averci fatto partecipi.
    Buona serata Sirio.

    RispondiElimina
  6. ciao sirio...che ricordi....
    quando ero bimbo facevo il chierichetto e in chiesa c'era lo stesso tipo di organno...ricordo che prima della messa si andava di nascosta a dare un po' di pompate e poi schiacciavamo un tasto a caso e lui per un po' suonava da solo....che ridere...il prete si incazzava tutte le volte....

    RispondiElimina
  7. Un bellissimo ricordo, reso ancor più emozionante dalla bellissima foto in bianco e nero.

    Buona giornata Sirio!

    RispondiElimina
  8. Ciao Tomaso,è come ricordare il prino giorno di scuola...o la prima volta che entri nel Conservatorio per applaudire il tuo maestro!

    Buona serata.

    RispondiElimina
  9. Ciao Annarita,grazie per la tua gentilezza!
    Sono portato naturalmente per la musica,avrei potuto fare il musicista di professione...ma come te gli eventi dela vita portano (e a volte costringono) a fare scelte molto diverse,in contrasto con le aspirazioni individuali.Necessità vuole...

    Ti auguro una buona fine settimana.

    RispondiElimina
  10. Ciao Lo,gli alberelli artistici vanno curati fin da piccoli...per me purtroppo non è stato possibile,mi sono impegnato per quanto ho potuto e di questo sono contento.

    Un caro saluto,a presto!

    RispondiElimina
  11. Xpx,mi fa molto piacere!

    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Grazie Gturs,sei gentile!

    Buona fine settimana e un caro saluto.

    RispondiElimina
  13. Ciao Bruno,io con la scusa che c'era il pianoforte andavo anche nell'oratorio femminile...anche lì c'era da ridere,ma per le suore mica tanto!!

    La foto della cantoria è stata scattata avendo per sfondo il teatro parrocchiale,dove la domenica venivano proiettati film: chi faceva il chierichetto alla mattina vedeva il film gratis: naturalmente maschietti in platea e feminucce in galleria... che tempi!

    RispondiElimina
  14. Rita,sei la benvenuta!

    Il fascino delle foto in bianconero è intramontabile,oltretutto...non sbiadiscono come quelle a colori!

    Grazie della visita,ti auguro una buona fine settimana.

    A presto!

    RispondiElimina
  15. Caro Sirio, fai un salto su Scientificando appena puoi. C'è una iniziativa pro Alzheimer da supportare entro domani 25 gennaio.

    Buona fine settimana e un abbraccio
    annarita:)

    RispondiElimina
  16. Ciao Pierangela,buon w.e. pure a te e complimenti per il nuovo blog!

    RispondiElimina
  17. Ciao Annarita,grazie per avermi segnalato questa iniziativa. Dai media non avevo sentito nulla,si vede che per loro non è così importante...!!

    Ti saluto caramente.

    RispondiElimina
  18. Ciao Pino,proprio altri tempi,altro modo di vivere.Le emozioni comunque rimangono, e una come questa fa piacere!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  19. Eh sì cara stella! I ricordi fanno parte della vita,ma...non si deve vivere solo di ricordi,anche se piacevoli.

    Un abbbraccione e a presto,oramai il concorso di poesia è in vista della linea d'arrivo...che successo!

    Ciao.

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven